MERCATO S.SEVERINO. Il 18 febbraio big-match tra Calpazio e Sanseverinese:

le due squadre sono appaiate al 1° posto nel campionato di Promozione. Si gioca a Roccadaspide. In città esposto uno striscione degli ultras. I dettagli.
 
 
 
 
Sabato 18 febbraio 2017
ROCCADASPIDE/MERCATO S. SEVERINO. Oggi, alle ore 15, allo stadio “Principe Filomarino”, è in programma il big-match tra Calpazio e Sanseverinese, appaiate al primo posto nel girone “D” del campionato di Promozione. Si attende il pubblico delle grandi occasioni. Si gioca a Roccadaspide perché lo stadio di Capaccio è interessato da lavori di riqualificazione. Almeno una sessantina di tifosi, in gran parte giovani ultras, proviene da San Severino. In città gli ultras hanno esposto uno striscione vicino a piazza S.Antonio, con su scritto “Tutti a Capaccio”, per invitare i tifosi a seguire e a sostenere la squadra nella fondamentale trasferta per la vittoria del campionato. Il Calpazio ha una gara in meno. Nella gara del girone d’andata, la Sanseverinese vinse 3 a 0, con gol di Forino, Spicco e Scala. La Sanseverinese, una delle più antiche e blasonate società del panorama calcistico dilettantistico della Campania, era addirittura scomparsa negli ultimi anni. E’ rinata quest’anno, grazie al Pandola, squadra dell’omonima frazione, che ha cambiato il nome in Sanseverinese. Recentemente, ha esonerato l’allenatore, Giovanni Liguori, sostituendolo con Vincenzo Di Pasquale. Inoltre, dopo aver vinto 3 a 1 a Scafati, ha subito la sconfitta a tavolino per la stessa partita perché, tra le sue fila, c’era un calciatore non tesserato in modo regolare. Tre punti persi, che le avrebbero consentito di giocare più tranquillamente oggi.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI. Arrivano in città 51 migranti.

Lun Feb 20 , 2017
Il Consiglio comunale,­ riunit­o in seduta monotemati­ca sul tema dell’acco­glienza dei migranti,­ ha deliberato in man­iera unanime l’adesione allo SPRAR che consentirà di g­estire in maniera intelligent­e l’emergenza immigrazione sul terr­itorio, attraverso un­a inclusione che scongiuri ghettizzazioni­, garantendo leg­alità e sicurezza ai cittadini.