PELLEZZANO. Il 2 dicembre convegno a sostegno del Sì in vista del Referendum Costituzionale.

Francesco Morra

L’appuntamento è alle ore 17:30, all’interno della Sala Auditorium del Comune di Pellezzano, nella zona di Coperchia. All’incontro prenderanno parte Riccardo Scuoppo, Segretario Pd di Pellezzano, Giuseppe Pisapia, Sindaco di Pellezzano, Francesco Morra della Direzione Provinciale del Pd, Andrea Marino, Luca Cascone, Franco Picarone, Tino Iannuzzi ed il Segretario Provinciale del Pd Nicola Landolfi.
 
 
 
Venerdì 2 dicembre 2016
PELLEZZANO. Anche la Valle dell’Irno si prepara a concludere la campagna elettorale verso il Referendum. Il 2 Dicembre, a Coperchia, è la volta del Comitato per il Sì Pellezzano Irno, guidato dalla Presidente Annabella Di Toma. L’appuntamento è alle ore 17:30, all’interno della Sala Auditorium del Comune di Pellezzano, nella zona di Coperchia. All’incontro prenderanno parte Riccardo Scuoppo, Segretario Pd di Pellezzano, Giuseppe Pisapia, Sindaco di Pellezzano, Francesco Morra della Direzione Provinciale del Pd, Andrea Marino, Luca Cascone, Franco Picarone, Tino Iannuzzi ed il Segretario Provinciale del Pd Nicola Landolfi.
«Il dibattito referendario – dichiara Francesco Morra – che si è svolto in queste settimane e che si tiene nelle pochissime ore che restano, ha lasciato, o meglio lascia, la speranza di fare, anche nelle ultime ore, un dibattito rispettoso delle posizioni di tutti, senza irrisioni o sarcasmi, è impossibile che una riforma, soprattutto costituzionale, sia esente da obiezioni. Tra quelle tecniche, alcune sono fondate ma non tali, a mio avviso, da legittimare il voto contrario. Il Referendum può essere anche un’occasione di civilizzazione del dibattito pubblico, favorendo il progresso nelle discussioni. Bisogna rispettare chi la pensa diversamente, ma la questione di fondo, almeno per me, resta l’occasione di cogliere il senso di alternativa. Il 4 dicembre si decide se si vuole conservare il sistema esistente, che non funziona e che si cerca di cambiare da trent’anni, oppure aprire a nuovo sistema, che si basa sulla fine del bicameralismo perfetto, sull’introduzione del referendum propositivo, che non è mai stato concesso prima ai cittadini, e sull’obbligo per il Parlamento di calendarizzare le leggi di iniziativa popolare».
 

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Il 2 dicembre ultimi convegni in vista del Referendum Costituzionale.

Ven Dic 2 , 2016
Al centro sociale, il Partito democratico illustra le ragioni del Sì. Al teatro comunale vengono illustrate le ragioni del No.