BRACIGLIANO. Crisi politica risolta al Comune.

Il Sindaco Rescigno

Il Consiglio comunale approva il bilancio anche grazie ai voti dei Consiglieri comunali dissidenti, Gerardo Moccia e Claudio Cardaropoli. Nessun aumento delle tasse comunali.
 
 
 
 
Venerdì 11 settembre 2015
BRACIGLIANO. Crisi politica risolta al Comune. Infatti, l’altro giorno, il bilancio di previsione è stato approvato in consiglio comunale anche grazie al voto favorevole di due consiglieri comunali dissidenti: Gerardo Moccia e Claudio Cardaropoli. L’altro consigliere critico, Giovanni Cardaropoli, era assente in quanto influenzato.
Fondamentale l’approvazione del bilancio: se non fosse arrivata, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonio Rescigno, sarebbe decaduta e, al suo posto, sarebbe subentrato un commissario prefettizio.
A spingere Gerardo Moccia e Claudio Cardaropoli a votare a favore del bilancio, è stata l’invariazione delle tasse comunali che, dunque, non aumenteranno.
La crisi politica iniziò due mesi fa, quando i 3 consiglieri comunali avevano chiesto al sindaco di far rinunciare la Giunta alle indennità di carica per recuperare 70mila euro a favore del bilancio comunale. La richiesta non fu accolta e Rescigno (per il quale i motivi della crisi erano altri) revocò le deleghe a Moccia e a Giovanni Cardaropoli, che formarono un gruppo misto insieme a Claudio Cardaropoli, gruppo che, dopo l’ultimo Consiglio comunale, è stato sciolto.
Nessun commento giunge dagli interessati ma solo la comunicazione di voler continuare a lavorare per il bene del paese, interessato ora da lavori pubblici da 1,6 milioni di euro, che si aggiungono a tanti progetti già realizzati.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI. Il 14 settembre riapre la scuola:

Sab Set 12 , 2015
al via il servizio del trasporto scolastico e i servizi pre e post accoglienza.  I dettagli.