Baronissi. Elezioni, Valiante: "non siamo la politica delle finte promesse di lavoro e dei tradimenti"

Valiante durante il comizio

Il sindaco uscente ha tenuto un comizio in piazza della Repubblica. I dettagli.
 
 
Sabato 4 maggio 2019
BARONISSI. Per il comizio di apertura alla campagna elettorale delle amministrative di Baronissi, il candidato sindaco Gianfranco Valiante fa il pienone in piazza della Repubblica, con la presentazione delle liste, dei candidati e del programma.
“Siamo la Città che accoglie, dai servizi eccellenti, che sa vedere chi ha più bisogno – ha ribadito sul palco Valiante, sostenuto dai suoi 80 candidati – la Città che cresce, che punta allo sviluppo delle grandi e piccole opere pubbliche, al lavoro, all’ambiente, al sociale, allo sport, alla cultura. Con una speciale attenzione rivolta ai giovani. Intorno a questi temi chiave, abbiamo articolato il nostro programma per Baronissi. Negli ultimi cinque anni molto è stato realizzato con cambiamenti profondi e incisivi, che hanno cambiato il volto della città. Siamo di fronte oggi a un’ulteriore sfida: continuare a lavorare insieme, riaffermando con forza il valore della trascorsa esperienza civica, rilanciando una forte innovazione politica e programmatica, per affrontare sfide che appaiono sempre più impegnative”.
Nessuna promessa da libro dei sogni quindi, “ma neanche nessuna promessa di posti di lavoro – ha chiarito Valiante –, è finita la stagione dei curriculum e dei tradimenti. Il nostro è un programma che tiene conto delle buone idee di tanti che lavorano esclusivamente per il bene della Città, in un’ottica partecipata, il frutto di uno studio attento, condiviso e aperto. La Baronissi che vogliamo sarà ancora più all’insegna della trasparenza e della partecipazione e del “buon governo”.

Antonio De Pascale

Next Post

Chiesa. Mons. Andrea Bellandi nuovo Arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno

Sab Mag 4 , 2019
Scelto da Papa Francesco, a luglio sarà ordinato Vescovo e assumerà la guida della Diocesi salernitana. Ecco il saluto di Mons. Bellandi alla Chiesa salernitana.