IL VANGELO DI DOMENICA 30/4/2017. IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI.

PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESSO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S. SEVERINO.
 
 
 III  Domenica di Pasqua (Lc 24,13 -35)
“Ed ecco, in quello stesso giorno  discepoli erano in cammino per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilometri da Gerusalemme, e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto. Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo.  Ed egli disse loro: «Che cosa sono questi discorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli rispose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è accaduto in questigiorni?». Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, il Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; come i capi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lo hanno crocifisso. Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò, sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba e, non avendo trovato il suo corpo, sono venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui non l’hanno visto». Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui. Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. Ed essi dissero l’un l’altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?». Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane. __________________________________________________________________________
IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI:
I segni di riconoscimento : la Parola e il Pane spezzato
La prima apparizione del Signore risorto, raccontata da Luca, avviene ai discepoli di Emmaus. Essi sono credenti, ma dopo la crocifissione di Gesù, che pure avevano riconosciuto come “profeta potente nelle opere e nelle parole davanti a Dio”, si sono smarriti; la fede ha ceduto il posto alla tristezza e alla rassegnazione. Un Salvatore crocifisso per loro è inaccettabile, hanno sentito l’annuncio delle donne, ma non hanno creduto alla resurrezione. E’ difficile riconoscere e accettare Gesù nella sofferenza. La croce è la vera pietra d’inciampo, il grande scandalo, specie per l’uomo contemporaneo, perché non sa metterla d’accordo con la potenza e con l’amore di Dio. Eppure, sulla strada di Emmaus, il Cristo Risorto, che si fa compagno di viaggio di ogni uomo, ci rivela i segni di riconoscimento che caratterizzano la sua presenza nel mondo dopo gli eventi pasquali. Il primo è la Parola di Dio perché ha la capacità di cambiare l’uomo totalmente, così alla tristezza subentra la gioia, alla disperazione la speranza, alla fuga il ritorno. Il secondo segno, è il pane spezzato: Gesù si rivela personalmente in questo gesto, è il gesto che esprime tutta vita e la sua missione. “I loro occhi allora si aprirono e lo riconobbero”. Il sacramento dell’Eucarestia è il modo scelto da Gesù per rimanere in mezzo a noi, tutti coloro che sono invitati alla mensa eucaristica lo conoscono veramente. Da questa conoscenza deve scaturire l’imitazione: l’uomo alla sequela di Gesù deve farsi “pane spezzato” per i fratelli.
PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESSO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S. SEVERINO.

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Elezioni. Enzo Bennet ottiene l'appoggio del Ministro dell'Ambiente, Galletti, e del Generale dell'Esercito Carmine De Pascale.

Mer Mag 3 , 2017
Il titolare del Dicastero dell’Ambiente è stato in città per esprimere il suo appoggio a Bennet e a Enza Cavaliere. Oltre mille persone e tanti big della politica,  alla presentazione del programma del candidato sindaco dem. Piero De Luca: “se oggi qui si vota, lo si deve a Carmine Ansalone”. […]