IL VANGELO DI DOMENICA 29/10/2017. IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI.

PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESSO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S. SEVERINO.
 
XXX  dom del T. O. Mt 22,34-40
 Allora i farisei, udito che egli aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della legge, lo interrogò per metterlo alla prova:  «Maestro, qual è il più grande comandamento della legge?».  Gli rispose: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente.  Questo è il più grande e il primo dei comandamenti.  E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso.  Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».
——————————————————————————————————————————————-
IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI:
Il cuore del Vangelo
Il vangelo di questa domenica ci indica l’originalità e la novità del messaggio cristiano. Questa volta Gesù viene messo alla prova dai farisei, l’oggetto della controversia è il cuore della legge.   Qual è il nocciolo del vangelo? Normalmente, siamo portati a pensare che sia l’amore del prossimo. Gesù capovolge questa idea e ci ricorda che il comandamento più importante è l’amore di Dio, perché è quest’amore, che illumina quello del prossimo. La tradizione religiosa ebraica conosceva ben 613 comandamenti, divisi a loro volta in grandi e piccoli. Questa suddivisione tranquillizzava i farisei convinti di avere in mano una bilancetta con la quale calcolare i meriti acquisiti davanti a Dio. La risposta di Gesù invece afferma il primato dell’amore, perché è l’amore la pienezza e il compimento della parola di Dio. Questa risposta vuole indicarci l’atteggiamento di fondo che deve guidare la nostra esistenza. Un atteggiamento che superi la semplice esecuzione di precetti,  per essere espressione di un amore permanente e totale. La verifica dell’autenticità del nostro amore di Dio la troviamo nell’amore del prossimo; ogni uomo, amico o nemico, deve essere amato con la stessa tenerezza del cuore di Dio. L’amore a Dio e l’amore al prossimo non si oppongono ma si completano. Gesù lo ha manifestato in tutta la sua vita.  S. Giacomo ci ricorda: se uno dice di avere la fede, ma non ha le opere, è nulla. Non amiamo a parole ma nei fatti e nella verità, impariamo allora a donare ciò che siamo e ciò che abbiamo ricevuto e scopriremo la bellezza della vita.
PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESSO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S. SEVERINO.

Antonio De Pascale

Next Post

AMBIENTE. COP23 a Bonn: un ponte verso nuovi impegni per ridurre le emissioni di Co2.

Dom Ott 29 , 2017
Ne parla Antonio De Crescenzo, Energy Manager e coordinatore del Paes nella Valle.