Il Vangelo di domenica 23/2/2020. Il commento del Prof. Antonio Luisi

VII Domenica del T. O. (Mt 5,38-48)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle. Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Il commento del Prof. Antonio Luisi:

Perfetti imitatori del Padre

Nel Vangelo di questa domenica, Gesù ci parla della santità.  Lo fa attraverso antitesi tra  il modo di agire dei farisei  e lo stile di vita che deve caratterizzare ogni cristiano. A chi vuole seguirlo, Gesù chiede di non restituire all’altro il male che ci ha fatto, ma sforzarci di fare il bene con larghezza. Bisogna  perciò amare anche chi non lo merita, senza contraccambio, perché questa è la strada per sanare tutte le ferite che lacerano le relazioni nelle famiglie, nelle comunità e nel mondo. Gesù ci chiede magari di benedire chi sparla di noi, di opporre la mitezza alla prepotenza, l’umiltà alla superbia. Questo stile di vita  ha la sua grande motivazione nel comportamento identico che Dio Padre assume nei confronti dei buoni e dei cattivi . Chiamati a riprodurre nel mondo, come figli di Dio, il volto di questo Padre, saremo perfetti se riusciremo a essere in sintonia con questo amore. L’ essere santi non è un lusso, ma è necessario per la salvezza del mondo.

Antonio Luisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Coronavirus, la testimonianza di un nocerino che vive a Codogno

Mer Feb 26 , 2020
Antonio De Pascale Mercoledì 26 febbraio 2020 NOCERA INFERIORE. E’ tanta la preoccupazione anche in provincia di Salerno per l’allarme Coronavirus. Soprattutto per i conterranei che vivono nelle zone rosse, in particolare tra Codogno (Lodi) e Vo’ Euganeo (Padova), i focolai del virus. Uno di questi, è il signor Giancarlo […]