Il Vangelo di domenica 15/12/2019. Il commento del Prof. Antonio Luisi

III Domenica di Avvento (Mt 11,2-11)

In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!». Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”. In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».

Il commento del Prof. Antonio Luisi:

Preparare l’incontro decisivo

La terza di Avvento è la domenica della gioia perché il Signore viene a salvare il suo popolo: Dio viene a portare la sua vita in mezzo a noi attraverso il suo Figlio Gesù Cristo. Non è sempre facile capire i progetti di Dio, lo stesso Giovanni ha un momento di incertezza, pensava che il Messia avesse portato il fuoco del giudizio e, invece, scopre un Gesù che predica la misericordia di Dio. Ecco il perché della sua domanda: “ Sei tu che devi venire o dobbiamo aspettarne un altro?.” Ma Gesù non risponde direttamente e invita i suoi interlocutori a riconoscerlo a partire dalle sue opere e a considerare la grandezza di Giovanni Battista che consiste nell’aver preparato i cuori degli uomini all’incontro con Lui.  Oggi il Signore si rende presente attraverso le persone disponibili a condividere le situazioni dei poveri per aiutarli a camminare, impegniamoci tutti in questa direzione  e prepareremo realmente  le vie del Signore e nello stesso tempo renderemo il mondo più vivibile.

Antonio Luisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Salerno. 20-22 dicembre, mostra artistica di Gesuino Pinna

Mar Dic 17 , 2019
Martedì 17 dicembre 2019 Antonio De Crescenzo SALERNO. Tutto pronto a Salerno per la mostra artistica che si terrà dal 20 al 22 dicembre prossimi, presso lo showroom del Magic House Arredamenti Di Ruccio Group store ufficiale Lube & Creo di Salerno, gestito dal general manager Nicola Di Ruccio. La […]