IL VANGELO DI DOMENICA 14/10/2017. IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI.

PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESSO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S. SEVERINO.
 
VANGELO DELLA XXVIII DOMENICA DEL T. O. (Mt 22,1-14)
Gesù riprese a parlar loro in parabole e disse: «Il regno dei cieli è simile a un re che fece un banchetto di nozze per suo figlio.  Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non vollero venire.  Di nuovo mandò altri servi a dire: Ecco ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e i miei animali ingrassati sono già macellati e tutto è pronto; venite alle nozze.  Ma costoro non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò e, mandate le sue truppe, uccise quegli assassini e diede alle fiamme la loro città.  Poi disse ai suoi servi: Il banchetto nuziale è pronto, ma gli invitati non ne erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze. Usciti nelle strade, quei servi raccolsero quanti ne trovarono, buoni e cattivi, e la sala si riempì di commensali.  Il re entrò per vedere i commensali e, scorto un tale che non indossava l’abito nuziale, gli disse: Amico, come hai potuto entrare qui senz’abito nuziale? Ed egli ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti.  Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».
__________________________________________________________________________
IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI:
L’abito buono per la grande festa
Il Vangelo di questa domenica ci racconta la storia di un Dio che vuole donare amore all’umanità, un Dio che desidera allacciare con l’uomo una relazione fatta di amicizia, dialogo e intimità. Ma a questo invito gli uomini rispondono con un netto rifiuto perché troppo superficiali ed egoisti; è troppo forte infatti l’interesse per altri affari ed altre cose. La parabola è chiara: è possibile rifiutare l’invito di Dio, è possibile chiudersi nell’orgoglio e diventare prigionieri della solitudine e dell’infelicità.  Può così accadere che la proposta venga accettata da coloro che nessuno vorrebbe avere accanto, durante un banchetto ufficiale; si tratta di poveri ed emarginati che il nostro perbenismo di solito esclude o non considera. Questa gente  costituisce  una categoria più gradita al Signore perché composta da persone  che sanno apprezzare questo dono , persone che hanno saputo indossare il vestito giusto.  Gesù ci esorta a fare attenzione al vestito che indossiamo in questo banchetto perché esso rivela la nostra identità, la nostra mentalità. Senza cambiamento d’abito, cioè senza la conversione del cuore, senza una nuova personalità, non si può partecipare al banchetto della vita eterna. Dio desidera regalare a tutti una grande festa ma esige la coerenza di vita, esige da noi una veste nuziale.
PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESSO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S. SEVERINO.

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Ospedale, il 14 ottobre inaugurazione dell'Istituto di Medicina Legale.

Ven Ott 13 , 2017
Il taglio del nastro è alle ore 9,30 presso l’ospedale “Fucito” di Curteri. Intervengono il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, e il Rettore dell’Unisa, Aurelio Tommasetti.