IL VANGELO DI DOEMENICA 10/8/2014: IL PILASTRO DELLA VERA FEDE. IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI.

PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S.SEVERINO.
 
 
XIX Domenica del T. O. ( Mt 14,22 – 33)
[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo. La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!». Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?». Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».
_________________________________________________
IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI:
Il pilastro della vera fede.
Il Vangelo di questa domenica ci presenta il famoso episodio della tempesta sedata. Gesù, placando il vento e le acque agitate, si rivela il Signore al quale ubbidiscono tutti gli elementi della natura. Questo miracolo infonde serenità  agli apostoli, scossi e impauriti, e la consapevolezza della divinità di Gesù. La pagina evangelica diviene, così, una grande lezione sulla fede. La vera fede non deve appoggiarsi ad eventi straordinari o ad effetti speciali, ma sull’apertura totale a Dio e su una fiducia assoluta nella sua parola, anche nelle necessità più estreme della vita. L’atteggiamento di Pietro è emblematico: quando ci sentiamo sospesi nel vuoto, non ci resta che invocare il nome di Gesù convinti di quello che significa e che può fare.  Che il Signore doni a ciascuno di noi la fede e la forza di avvertirlo  presente in ogni avvenimento della vita e della storia per poter affrontare seriamente ogni prova.
PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S.SEVERINO.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI. IL 30 AGOSTO C'E' LA NOTTE BIANCA CON TANTI SPETTACOLI.

Dom Ago 10 , 2014
Ecco il programma. Il Sindaco Valiante: “E’ una grande occasione per il commercio di Baronissi”.