UNIVERSITA'. LAUREA AD HONOREM IN INFORMATICA AL PROF.SILVIO MACALI.

DA DX, IL RETTORE TOMMASETTI E IL PROF.MICALI

L’onorificenza è stata proposta dopo aver riconosciuto l’eccellenza dell’attività scientifica, svolta nel campo della Crittografia moderna, di cui Micali è uno dei massimi esperti. I dettagli.
 
 
 
 
Giovedì 21 maggio 2015
FISCIANO. Il professor Silvio Micali, figura principale della Crittografia Moderna, ha ricevuto la Laurea Magistrale ad Honorem in Informatica dell’Università di Salerno.
L’onorificenza è stata proposta dopo aver riconosciuto l’eccellenza dell’attività scientifica, svolta nel campo della Crittografia moderna, di cui Micali è uno dei massimi esperti. Tanto da ricevere nel 2012 l’ACM Turing Award insieme a S. Goldwasser.
L’ACM Turing Award è considerato il “Premio Nobel” per l’Informatica ed è conferito ad Informatici ed Ingegneri distintisi nella creazione di sistemi e fondamenti teorici che fanno da propellente all’industria della Tecnologia dell’Informazione.
La cerimonia si è chiusa  con la Lectio del Prof. Silvio Micali su “Prove, segreti e
Il Prof.Micali

computazione”.
Micali, palermitano di nascita ma americano di adozione, ha  conseguito il PhD in Computer Science presso la University of California, Berkeley nel 1982.
Dal 1983 è Professor of Computer Science presso il Department of Electrical Engineering and Computer Science del Massachusetts Institute of Technology e Principal Investigator presso il Computer Science and Artificial Intelligence Lab (CSAIL) del Massachusetts Institute of Technology.
E’ membro della American Academy of Arts and Sciences, della National Academy of Sciences e della National Academy of Engineering.
Ha ricevuto inoltre il premio RSA Mathematics Award, il Berkeley Distinguished Alumnus of the Year Award e l’Information Security Executive New England Rising Star Award.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI. CIAK, SI GIRA.

Gio Mag 21 , 2015
Si stanno girando a Baronissi alcune scene del film “Camminando nel cielo – Tutti in classe” del regista Angelo Antonucci. I particolari.