UNIVERSITA'. "DIRITTO SPORTIVO E DIALOGO TRA ORDINAMENTI": STEFANO PALAZZI, PROCURATORE FEDERALE DELLA F.I.G.C., HA RELAZIONATO IN ATENEO.

Da sinistra: Palazzi, Sciancalepore e Lenza all'Università di Salerno (irnonotizie.it)

Sono intervenuti anche il docente di diritto dello sport, Giovanni Sciancalepore, e Roberto Lenza, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore. I dettagli.
 
 
 
 
Sabato 6 dicembre 2014
FISCIANO.Oltre 500 studenti di Giurisprudenza hanno partecipato, ieri pomeriggio, all’incontro di studio dal titolo “Il diritto sportivo: dialogo tra ordinamenti”, che ha visto le relazioni di Stefano Palazzi, Procuratore Federale della F.I.G.C, del docente di diritto dello sport, Giovanni Sciancalepore, e di Roberto Lenza, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore.
NELLA FOTO SOPRA: UNA FASE DELL’INCONTRO DI STUDIO DI IERI POMERIGGIO ALL’UNIVERSITA’ DI SALERNO: CLICCA COL MOUSE SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRLA.
Secondo Palazzi, “la giustizia civile, penale e sportiva non sono mai in contrasto. Anzi, io dico che c’è un profondo ringraziamento, da parte di tutti gli ordinamenti sportivi, sia ai colleghi magistrati ordinari, sia a tutti gli organismi di polizia, perchè c’è un dialogo costante tra ordinamento sportivo e l’ordinamento dello Stato”. “Pur nel rispetto delle autonomie – ha proseguito Palazzi – e delle rispettive funzioni, questo dialogo è fondamentale perchè dà la possibilità, soprattutto a noi, di poter rendere migliore il mondo dello sport e assicurare il rispetto delle regole. L’augurio è che il mondo dello sport possa andare sempre meglio grazie al dialogo e ai contributi enormi dello Stato, attraverso, in particolare, le componenti della magistratura e delle forze dell’ordine”.
Secondo Sciancalepore, il dialogo tra gli ordinamenti “non è antitetico, ma osmotico, con arriccchimento reciproco. Non c’è ostilità o una volontà di creare una supremazia dell’uno rispetto all’altro. Gli ordinamenti tutti lavorano per l’affermazione della giustizia sportiva e sostanziale e per l’affermazione dei veri valori dello sport”.
Lenza si è soffermato sulle criticità nei rapporti tra ordinamenti: “io – ha detto – valorizzerei gli aspetti della collaborazione e del coordinamento. Da questo punto di vista, non esistono norme che impongono un doveroso coordinamento tra la Procura ordinaria e quella federale, riferendoci solo al calcio”.

Antonio De Pascale

Next Post

BRACIGLIANO/CASTEL S.GIORGIO/CALVANICO. NASCONO GLI SPORTELLI ANTIUSURA E ANTIRACKET.

Sab Dic 6 , 2014
Antonio Rescigno, Sindaco di Bracigliano: “le Istituzioni possono dare un contributo alla lotta al fenomeno, favorendo campagne di sensibilizzazione e di ascolto”. Franco Gismondi, Sindaco di Calvanico: “è giusto tenere alta l’attenzione sul fenomeno”.