Pontecagnano Faiano. 22 giugno, s'inaugura in Campania la prima Green station di Legambiente

La stazione di Pontecagnano cambia look, da non-luogo a bene comune: un centro di innovazione sociale e culturale per i viaggiatori e punto di incontro di culture diverse. “Vogliamo che la stazione di Pontecagnano torni ad essere viva– dice Francesca Ferrodirettore di Legambiente Campania– non più solo come luogo di partenza e arrivo, ma come centro di servizi per i viaggiatori e come punto di incontro di culture diverse. Una stazione che si apre quindi al territorio, diventa polo di attrazione urbana. Un centro per favorire la sostenibilità ambientale, il volontariato e gli scambi europei tra giovani, ma anche per proporre ai cittadini una nuova visione di mobilità, per promuovere le bellezze della Terra Felix e un tu rismo lento, che trova, nel treno e nelle biciclette, i suoi mezzi ideali.I particolari.
 
 
 
Venerdì 22 giugno 2018
Antonio De Crescenzo
PONTECAGNANO FAIANO. Oggi si inaugura, a Pontecagnano, la prima Green Station di Legambiente in CampaniaIl taglio del nastro domani, venerdì22 giugno, alle ore 10.00, presso i locali della stazione di Pontecagnano.
Trasformare la vecchia stazione di Pontecagnano, comune alle porte di Salerno, in un centro di innovazione sociale e culturale. Un centro per favorire la sostenibilità ambientale, il volontariato e gli scambi europei tra giovani, ma anche per proporre ai cittadini una nuova visione di mobilità, per promuovere le bellezze del territorio e un turismo slow, orientato all’uso di trasporti rispettosi della natura, come la bicicletta o il treno.
Il progetto del circolo Legambiente Occhi Verdi– che nel marzo 2017 ha ricevuto l’immobile in comodato gratuito grazie al progetto Green station – il protocollo d’intesa sottoscritto da Legambiente, Ferrovie dello Stato Italiane e Rete Ferroviaria Italiana per il recupero delle stazioni impresenziate – trasformerà così la stazione da non-luogo bene comune, per consentire produzioni culturali destinate soprattutto ai giovani. Tra gli obiettivi: la tutela e conservazione ambientale, paesaggistica e storico-culturale, con la creazione di un’offerta turistica di qualità e sempre più attenta allo straordinario patrimonio ambientale e naturalistico dell’area; attività di volontariato e accoglienza, punto di riferimento non solo per i turisti, ma anche e soprattutto per la comunità locale.
L’inaugurazione della Green Station rientra tra gli eventi delle due giornate di Festambiente Beni Comuni, che Legambiente ha organizzato a Pontecagnano il 22 e 23 giugno.
Vogliamo che la stazione di Pontecagnano torni ad essere viva– dice Francesca Ferrodirettore di Legambiente Campania– non più solo come luogo di partenza e arrivo, ma come centro di servizi per i viaggiatori e come punto di incontro di culture diverse. Una stazione che si apre quindi al territorio, diventa polo di attrazione urbana. Un centro per favorire la sostenibilità ambientale, il volontariato e gli scambi europei tra giovani, ma anche per proporre ai cittadini una nuova visione di mobilità, per promuovere le bellezze della Terra Felix e un turismo lento, che trova, nel treno e nelle biciclette, i suoi mezzi ideali. Un luogo di cui andare fieri e che non esiste altrove. Un progetto che si è concretizzato grazie al sostegno di tanti che hanno contribuito, con piccole donazioni, alla realizzazione e all’apertura di un bene a disposizione di tutti”.
Sono stati centinaia i sostenitori che, attraverso il crowdfunding realizzato sulla piattaforma Produzioni dal Basso, hanno consentito di completare i lavori per la realizzazione della prima “Green station” della Campania. Una raccolta fondi realizzata grazie al progetto “Diamo forza ai beni comuni”, bando IMPATTO+ di Banca Etica Etica sgr,destinato a progetti di riqualificazione di beni immobili con scopi sociali, culturali e di tutela ambientale.

 

Con il contributo del bando IMPATTO+ di Banca Etica e Etica sgr e il sostegno del Gruppo Sada e di Meral

 

Antonio De Pascale

Next Post

Sport. Campionati europei assoluti di scherma "Novi Sad 2018":

Ven Giu 22 , 2018
medaglia d’argento per l’Italia del napoletano Luca Curatoli. La squadra azzurra di sciabola maschile vicecampione continentale. “E’ un argento ma vediamo il bicchiere mezzo pieno – dicono all’unisono gli azzurri -. Non siamo al top della forma e questa conferma sul podio e questo risultato, sono sicuramente un carico di fiducia […]