PELLEZZANO. Si è dimesso il Presidente del Consiglio comunale, Enzo Bove.

Motivi personali alla base della decisione. Il Sindaco, Giuseppe Pisapia: “Bove resta in maggioranza”.
 
 
 
Antonio De Pascale
PELLEZZANO. Vincenzo Bove, presidente del Consiglio comunale, si è dimesso dall’incarico istituzionale per motivi personali. Bove resterà in maggioranza consiliare. Il sindaco, Giuseppe Pisapia, ribadisce che “Bove ha espresso la volontà di far parte ancora della maggioranza, garantendo il suo sostegno all’attività amministrativa”. Il primo cittadino continua a lavorare, senza ombra di preoccupazione, per risolvere tutti i problemi ereditati dalle precedenti amministrazioni. Nulla cambia, quindi, in riferimento alla composizione consiliare: il sindaco è sostenuto da nove voti. Inalterati anche i voti dell’opposizione, che restano otto. Un paio di settimane fa, si erano dimessi gli assessori Michele Murino e Francesco Morra, che, conservando il ruolo di consiglieri comunali, sono passati tra le fila dell’opposizione. Qualche mese fa, Andrea Marino si era dimesso da capogruppo di maggioranza, ruolo poi ricoperto dall’avvocato Maria Farina. Successivamente, Marino è passato all’opposizione, formando con Morra, Murino e Nicola Coviello, un gruppo consiliare di minoranza, che si chiama Impegno civico. Intanto, in un post su facebook, Eva Longo, ex sindaca e attuale Senatrice e consigliere comunale di opposizione, ha chiesto la convocazione di un Consiglio comunale monotematico avente a oggetto una mozione di sfiducia verso il sindaco, che, al momento, se dovesse confermarsi il quadro politico di cui sopra, non avrebbe i numeri per passare. Il mandato amministrativo scadrà nel 2019. I possibili candidati a sindaco, sono: Pisapia, Longo, Morra e qualcuno del M5S.

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Le Associazioni garantiscono la vigilanza ai plessi scolastici.

Gio Set 21 , 2017
Accordo Comune-Associazioni. Accolta la proposta del Consigliere comunale Gerardo Figliamondi. I volontari vigileranno sull’entrata e sull’uscita degli alunni dalle scuole. I dettagli.