PELLEZZANO. Il 16 marzo, a Coperchia, c'è la Via Crucis.

E’ organizzata dall’Azione Cattolica della Parrocchia dei Santi Nicola e Matteo. I dettagli.
 
 
 
Mercoledì 16 marzo 2016
PELLEZZANO. Mercoledì 16 marzo, alle ore 20.00, per le strade del centro storico, sarà messa in scena “Ecce Homo”, la rievocazione storica della Passione e della Morte di Gesù Cristo, rappresentata per le strade di Coperchia: sono i ragazzi dell’Azione cattolica della Parrocchia dei Santi Nicola e Matteo ad interpretare, lungo le strade Via Matteo Angelo Galdi e Via Gennaro Fiore, illuminate da una luce calda e scenografica, le fasi salienti della vita di nostro Signore. La Via Crucis Vivente proposta per la prima volta, nel piccolo paesino del Comune di Pellezzano, vuole far rivivere intensamente il dramma del calvario di Gesù Cristo. La rappresentazione della passione, attraverso costumi e scene dell’epoca, vuole essere un evento religioso-culturale, espressione comune dell’incarnazione del vissuto di una comunità che crede profondamente nei valori cristiani.
L’evento, proposto dai Giovani dell’Azione Cattolica, ha trovato subito il sostegno del parroco, Don Giuseppe Giordano, e l’appoggio di tutti i giovani e “non più giovani” che si sono impegnati insieme per realizzare tale sacra suggestione e bellezza. “A tal proposito – spiega Vincenzo Alfano, che ha curato la regia – è doveroso fare un ringraziamento a quanti si sono prestati all’interpretazione dei personaggi, a quanti hanno curato l’allestimento dei luoghi e la realizzazione degli abiti, al nostro parroco Don Peppino e al Sindaco del Comune di Pellezzano, Giuseppe Pisapia, con l’amministrazione tutta per la disponibilità. Tutti noi organizzatori e interpreti invitiamo i cittadini a prendere parte all’evento, avvisando inoltre che, in caso di condizioni meteo avverse, la manifestazione si svolgerà nei giorni a seguire, il 17 o 18 marzo”.
 

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Il Prof.Pinuccio Rescigno relaziona all'Università di Siena:

Mer Mar 16 , 2016
illustra la sua attività artistica a partire dagli anni ’70.