PELLEZZANO. Il 15 dicembre parte la maratona Telethon:

Francesco Morra

l’obiettivo è raccogliere fondi da destinare alla ricerca scientifica. Previsti numerosi spettacoli nei prossimi giorni: ecco il programma.
 
 
 
Martedì 15 dicembre 2015
PELLEZZANO. Ha inizio oggi, Martedì 15 dicembre 2015, l’edizione 2015 della Maratona Telethon a Pellezzano, che consiste in una kermesse di eventi sociali, culturali e di carattere scientifico tesi alla raccolta fondi da destinare alla ricerca scientifica. L’organizzazione, come di consueto, è curata dalla Sezione Telethon di Pellezzano, retta dal Responsabile Telethon Valle dell’Irno, Dott. Francesco Morra, con il Patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Pellezzano guidata dal Sindaco Giuseppe Pisapia ed ha come partner l’Associazione “Raggio Verde”, la Protezione Civile “S. Maria delle Grazie”, l’Associazione “Karol Wojtyla”, la “Cartesar SpA”, il “Gruppo Forte”, “Mc Poste & Shipment” e “Il Casolare”, mentre la Direzione Artistica  è a cura della “New Age Animazione e Spettacolo”.
Martedì 15 dicembre, alle 21:30, presso il Teatro dell’Associazione “Napulantica”, in Capezzano, ci sarà il consueto salotto musicale e solidale con tradizioni, melodie e ritmi della Napoli che fu, a cura del gruppo partner Telethon “Napulantica”.
Giovedì 17 dicembre, alle ore 9,30, presso la “Cartesar SpA”, campagna di sensibilizzazione e di presentazione della Fondazione Telethon e dei risultati della ricerca scientifica con le scuole del territorio. Ospite d’eccezione, Mino Abbacuccio, direttamente da Made In Sud. Nel pomeriggio, alle ore 15:30, presso lo stadio Comunale “Andrea Bolognese”, Torneo di calcio “Uno, Dieci, Cento Calci per Telethon”. L’organizzazione tecnica è a cura della “Polisportiva Nikè”. A sera, alle ore 20.30, presso il Teatro comunale di Capezzano, i “Kantika Vocal Ensamble” e la Compagnia Teatrale “La Quercia” presentano “Napoli: Terra Nostra”, Canto, Danza e Teatro uniti in un’unica sinfonia.
Venerdì 18 dicembre, alle 20,30, tradizionale “Gran Galà di Telethon” presso l’Agriturismo “Il Casolare”: cena solidale con la performance scenico-musicale a cura del coro “Crescent”, Pop Rock Italiano e Inglese dagli anni ’70 ad oggi. Intermezzi con la musica del SAX di “Sandro Scuoppo”.
Sabato 19 dicembre: Chiesa San Nicola di Bari – Coperchia, alle ore 10,30 Spettacolo Scenico – Musicale Natalizio a cura dell’Orchestra dell’Istituto Comprensivo “A. Genovese” Pellezzano. Alle ore 17:00, per le strade di Coperchia, “Natale la favola divent realtà”, a cura dei commercianti di Coperchia: spettacoli e animazione per i bambini. Mentre, alle ore 20:00, presso il Teatro Comunale di Capezzano, il gruppo I Pappici presenta “Il morto è vivo”, commedia in due atti di Oreste De Santis, regia di Rosita Sabetta.
Domenica 20 dicembre, alle ore 11,15, presso la Chiesa San Nicola di Bari – Coperchia Santa Messa Solenne con la partecipazione dei volontari e delle autorità e partner istituzionali che hanno promosso l’evento. Al Palazzetto dello Sport di Capriglia “Ballando per la vita” II edizione…Stage Balli di Gruppo e di Coppia Sociali Coreografici –Liscio da Sala e Standard con l’intrattenimento musicale a cura di “Radio Diffusione Irno”. Alle ore 18.00, presso l’aula consiliare del Comune di Pellezzano, secondo raduno dei Cori PRO TELETHON a cura dell’associazione “Il Camaleonte”. Alle ore 20:00, presso la sala parrocchiale Capriglia, “IN-CANTO DI NATALE”, IV edizione, spettacoli di canti della tradizione natalizia a cura del coro della parrocchia “S. Maria delle Grazie”. Alle 20:30, al Teatro Comunale di Capezzano, Spettacolo di varietà “Le Stelle di Telethon”. Il varietà si comporrà con i gruppi di ballo “Balletto Arte Nikè”,”Danza in Prima”, ”Ritmica Nikè” con la partecipazione dell’associazione “Ridere per vivere” Campania ONLUS.
Nei giorni Sabato 19 e Domenica 20 Dicembre – Teatro Comunale di Capezzano “Human Qualities”, Mostra di chiaroscuri ottenuti con matite e acquerelli a cura di Simona Santoriello.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI: Alternanza scuola-lavoro:

Mar Dic 15 , 2015
gli studenti diventano “ciceroni” per il Comune. I dettagli.