Montoro. Nasce il movimento "Io resto Qua!"

Il progetto nasce da un’esigenza diffusamente sentita tra i cittadini montoresi, e in particolare tra i più giovani, di avere un luogo di confronto e di dibattito per la elaborazione di idee e di proposte che, troppo spesso, in questi tempi, vengono relegate a delle élite che non sempre riescono a cogliere le esigenze di una comunità.
 
 
 
Martedì 19 marzo 2019
MONTORO. Domenica 17 marzo, in via Roma a Montoro, un gruppo di giovani ha inaugurato ufficialmente la sede in cui è possibile discutere di futuro e di progetti per Montoro.
Il progetto nasce da un’esigenza diffusamente sentita tra i cittadini montoresi, e in particolare tra i più giovani, di avere un luogo di confronto e di dibattito per la elaborazione di idee e di proposte che, troppo spesso, in questi tempi, vengono relegate a delle élite che non sempre riescono a cogliere le esigenze di una comunità.
Io Resto Qua! E’ questo lo slogan con cui il gruppo inizia le sue attività. Due giovani che si danno la mano e, con la loro figura, formano la sagoma di una casa, racchiudendo il simbolo di Montoro, i tre monti. Un logo che può essere interpretato in svariati modi ma che racchiude, sicuramente, la volontà di tanti ragazzi di restare a Montoro per costruire la propria famiglia e realizzare i propri sogni, non solo lavorativi ma anche e soprattutto di natura sociale.
La prima iniziativa che il gruppo intraprenderà sarà quella di aprire, già da in questi giorni, con modalità operative che prevederanno la più ampia partecipazione possibile, un tavolo permanente di confronto per affrontare le problematiche e le esigenze del nostro territorio ovvero per discutere di ambiente, sviluppo, servizi, assistenza e altro ancora.
“Ci apprestiamo a intraprendere questa attività – afferma una delle ragazze promotrici dell’iniziativa – non nascondendoci in segrete stanze ma aprendoci alla comunità e, se per il momento lo facciamo all’interno di un luogo ben definito, nelle prossime settimane lo faremo andando a discutere con la gente in tutte le frazioni. Le critiche, che pur ci saranno, soprattutto da parte di chi non vuole che si sviluppi un dibattito vero sul territorio o che per anni ha cercato di sopirlo, non ci spaventano affatto perché è necessario che ciascuno di noi sia il protagonista della propria storia”.
“Noi siamo convinti – continua uno dei ragazzi – che questa discussione possa generare un patrimonio inestimabile costituito da idee, progetti e voglia di impegnarsi per la comunità. Tale patrimonio potrà anche essere dato in dote a chi, tra i vari soggetti politici che si affacciano alla competizione elettorale, avrà la voglia e l’impegno di attuarlo, facendolo proprio”.
All’interno del gruppo, in questo momento, non si parla né di liste né di candidature proprio per lasciare ampia libertà a ogni singolo cittadino di poter portare le proprie idee, opinioni o suggerimenti e di confrontarsi, in modo vero, con chi ha voglia di farlo.
L’invito a sedersi a questo tavolo è rivolto a tutti i montoresi, ma soprattutto ai più giovani, per avere l’opportunità di partecipare, discutere, elaborare proposte e di riappropriarsi del proprio destino, contribuendo attivamente a delineare il futuro della nostra Montoro.

Antonio De Pascale

Next Post

Mercato S.Severino. Scuola di Costa, i genitori acquistano l'impianto di videosorveglianza

Mar Mar 19 , 2019
Iniziativa partita da una mamma di un’alunna, la signora Anna Iannone. “Ringrazio – dice il sindaco Somma – i genitori degli alunni per la bella iniziativa, che si realizza in un momento di difficoltà finanziaria per i Comuni. Noi abbiamo provveduto solo a far installare l’impianto e a sistemare la […]