MERCATO S.SEVERINO. "Traffico in città, ecco il piano per risolverlo".

Carmine Iannone

Un nostro Lettore, Carmine Iannone, ci scrive e illustra le sue proposte per risolvere il probelma. Intanto, il Comune sta studiando un piano per risolvere la questione.
 
 
 
 
Domenica 5 novembre 2017
Traffico in città: un nostro Lettore, Carmine Iannone, residente a Mercato S. Severino, ci ha scritto, illustrando quella che potrebbe essere la soluzione al problema. Intanto, l’Amministrazione comunale sta studiando un nuovo piano per la mobilità in città.
___________________________________________________________________________________
Carmine Iannone
Caro Direttore, ancora una volta si fa sondaggio per l’apertura o chiusura del Corso. Ebbene. Io direi, invece di sindacare ancora una volta sull’apertura o chiusura del Corso, provvediamo al cambiamento del senso veicolare di marcia CREANDO MENO CAOS e cioè: Corso Diaz, tutto senso unico fino all’incrocio di via Rimembranza, via Rimembranza senso unico dall’incrocio del Corso Diaz fino a via Zara per consentire l’accesso in Città, senso unico via Rimembranza da chi proviene da Piazza Ettore Imperio, con svolta a destra incrocio via Zara per tutto il tratto fino al monumento; rampa di accesso (fontana) doppio senso da e verso san Vincenzo per evitare l’accesso ad imbuto all’incrocio del corso Diaz e via Rimembranza per chi va verso San Vincenzo, il trincerone doppio senso di marcia fino all’incrocio di Piazza Sant’Antonio regolato da segnalazione semaforica in sostituzione all’attuale senso di marcia. Ovviamente regolare il senso veicolare per le traverse di accesso al Corso in entrata ed in uscita. Questo è quello che i cittadini hanno bisogno. Istituire un’isola pedonale è come desertificare un paese.
Carmine Iannone

Antonio De Pascale

Next Post

IL VANGELO DI DOMENICA 5/11/2017. IL COMMENTO DEL PROF.ANTONIO LUISI.

Dom Nov 5 , 2017
PROF.ANTONIO LUISI, DOCENTE DI RELIGIONE CATTOLICA AL LICEO CLASSICO “VIRGILIO” E DIACONO PRESSO LA PARROCCHIA “S.MARIA DELLE GRAZIE” DI MERCATO S. SEVERINO.