MERCATO S.SEVERINO. Scioperano 800 studenti del Liceo "Virgilio" per le note problematiche dell'Istituto scolastico. Riprendono i lavori per la costruzione del nuovo plesso a S.Vincenzo.

Il Presidente Canfora

Antonio Rescigno

Antonio Rescigno, Consigliere Provinciale: “da oggi, riprendono i lavori per il nuovo plesso. Una grande vittoria del Presidente della Provincia, Giuseppe Canfora, che ringrazio per aver ascoltato le mie sollecitazioni, e di tutta l’Amministrazione provinciale”.
 
Giovedì 22 settembre 2016
MERCATO S. SEVERINO. Ieri mattina, ottocento studenti circa del liceo classico, linguistico e scientifico, le cui classi sono ospitate presso il centro sociale “Marco Biagi”, hanno scioperato. La protesta degli studenti è dovuta ad atavici problemi del “plesso scolastico”: finestre e tapparelle rotte in alcune aule, corrente elettrica assente da tre giorni, termosifoni non funzionanti (anche se non necessari in questo periodo). Un plesso al limite delle norme di sicurezza. Gli studenti sono intenzionati a raccogliere le firme tra i colleghi, dando vita a una sorta di petizione, da inoltrare alla dirigente scolastica, Luigia Trevisone (che segue con attenzione le problematiche della scuola), al commissario prefettizio che regge le sorti del comune, Fulvia Zinno, e all’ufficio per le politiche scolastiche del municipio. Intanto, giunge la felice notizia della ripresa dei lavori per la costruzione della nuova sede, a S.Vincenzo, bloccati da due anni circa dal patto di stabilità. Ad annunciarlo, è Antonio Rescigno, consigliere provinciale di maggioranza: “la Provincia – dice – ha pagato i lavori arretrati alla ditta che costruisce la nuova scuola. Superati i vincoli legati al patto di stabilità, i lavori riprendono a partire da oggi. Stamattina previsto un sopralluogo nel cantiere. Un grazie va al Presidente della Provincia, Giuseppe Canfora”.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI. Il 24 settembre il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, inaugura la discarica di Cariti.

Ven Set 23 , 2016
L’opera, finanziata nell’ambito dell’accelerazione europea della spesa, ha previsto un finanziamento di 1.3 milioni di euro per la radicale bonifica, la sistemazione orografica dell’area, la creazione di terrazzamenti con la regimentazione delle acque e l’impermeabilizzazione del terreno.