Mercato S. Severino. Ospedale "Fucito", carenza di personale

L'ospedale "Fucito"

Da ieri stop al servizio della logistica. Nessun allarmismo, tutti i reparti funzionano regolarmente, ma solo grazie al senso di responsabilita’ e ai sacrifici del personale medico e para-medico, sottoposto a straordinari e a turni stressanti. La denuncia è del segretario generale della Cisl, funzione pubblica di Salerno, Pietro Antonacchio: “da ieri – dichiara il sindacalista – non c’è più il personale che porta farmaci, lenzuola e materiali vari ai reparti. Beffa per i dipendenti, già stremati per i turni stressanti, attuati per garantire l’assistenza ai pazienti”. In attesa dell’assegnazione di operatori socio-sanitari, si cerca di tamponare il problema con personale interno al nosocomio. Mancano almeno 15 infermieri e 30 operatori socio-sanitari. I particolari.
 
Giovedì 14 giugno 2018
Antonio De Pascale
MERCATO S. SEVERINO. Salta il servizio di logistica all’ospedale “Gaetano Fucito”, ubicato nella frazione Curteri: l’ospedale va quasi in “tilt”. Nessun allarmismo, tutti i servizi essenziali continuano a essere garantiti, ma solo grazie ai sacrifici, al senso del dovere e di responsabilità, di tutto il personale medico e para-medico. Sono davvero tanti i problemi che attanagliano il nosocomio sanseverinese.
La denuncia è del segretario generale della Cisl, funzione pubblica di Salerno, Pietro Antonacchio: “da ieri – dichiara il sindacalista – non c’è più il personale che porta farmaci, lenzuola e materiali vari ai reparti. Beffa per i dipendenti, già stremati per i turni stressanti, attuati per garantire l’assistenza ai pazienti”.
“E’ l’ennesima beffa – aggiunge Antonacchio – per il personale del Fucito, ormai stremato per garantire l’assistenza e costretto a turni stressanti. Da ieri, infatti, la Gesap, ditta appaltatrice del servizio di pulizia, non effettua più la logistica, che invece prima garantiva impropriamente poiché il capitolato è solo relativo alla pulizia, con presenza durante le 24 ore della giornata”.
“Un accordo interno al presidio ospedaliero – continua Antonacchio -, resosi necessario in attesa di reclutamento del personale con qualifica di operatore socio-sanitario, indispensabile per sopperire alla carenza di tale servizio, in una struttura dove la dislocazione delle unità operative vede indispensabile tale supporto”.
Per tamponare tale situazione venutasi a creare, alcuni operatori della cardiologia e medicina, sono stati, temporaneamente, collocati nei locali della farmacia, al fine di garantire la distribuzione dei farmaci, e alla dialisi.
“Se a tutto ciò si sommano la generale mancanza di presìdi, le barelle rotte e l’insufficienza di sedie a rotelle, allora possiamo affermare, senza ombra di smentita, che la situazione è drammatica”, affermano i delegati rsu della Cisl Fp, Bonaventura Guariglia e Giuseppe Di Pietro.
“Allo stato – aggiungono Guariglia e Di Pietro – si ribadisce la carenza, nel presidio ospedaliero di Mercato S. Severino, di almeno 15 infermieri e 30 operatori socio-sanitari. Appare evidente che, tale situazione, non è ora più sostenibile. Pertanto, invitiamo la direzione generale a un immediato potenziamento dell’organico di operatori socio-sanitari presso il Fucito, riservandoci, in assenza di un immediato riscontro, ogni azione a tutela della dignità dei lavoratori e dei pazienti interessati”.
Anche Gerardo Liguori della Cgil, Antonio Rocco e Carmine Landi, consiglieri comunali di Baronissi e Mercato S. Severino, denunciano, da anni, la carenza di personale.

Antonio De Pascale

Next Post

Politica. Fratelli d'Italia chiede tolleranza zero per extracomunitari aggressori dipendente farmacia "Principe" di Napoli

Ven Giu 15 , 2018
Carceri, Cirielli (Fratelli di Italia): Appello a Conte e Bonafede: “Subito cancellazione vigilanza dinamica”. I dettagli.