Mercato S.Severino. Nuovo Palasport, scontro tra Giovanni Romano e il Sindaco Somma

Giovanni Romano

Il Sindaco Somma

L’ex Sindaco Romano: “ci sono diverse irregolarità”. Il Sindaco Somma: “è tutto a norma”. Ecco cosa prevede il progetto.
 
 
 
Giovedì 21 marzo 2019
Antonio De Pascale
MERCATO S. SEVERINO. E’ scontro tra l’ex sindaco Giovanni Romano e l’attuale sindaco, Antonio Somma, a proposito del nuovo palazzetto dello sport, il cui progetto è stato approvato dal Consiglio comunale.
“Il 27 febbraio il Consiglio comunale ha approvato – dice il consigliere comunale Eduardo Caliano, fedelissimo di Romano – con i voti della maggioranza, un progetto presentato da un’impresa privata, non sanseverinese, che ha proposto di realizzare un nuovo palazzetto dello sport, ricevendo in cambio la gestione per circa 40 anni della struttura e la concessione edilizia per costruire, in via Aldo Moro, un “palazzone” di oltre 25 metri con numerosi appartamenti da vendere”.
“E’ sorprendente – aggiunge Romano – che l’amministrazione abbia fortemente voluto avviare questa procedura prima di attendere l’esito del contenzioso ancora in corso con il precedente appaltatore dell’opera, selezionato con una regolare gara di evidenza europea e che, in modo ancora più sorprendente e strano, non abbia fatto nulla per concluderlo con una transazione non onerosa per il Comune”.
“L’ostinazione dell’amministrazione è ancora più strana – prosegue Caliano – se si tiene conto dei gravi motivi, da noi evidenziati, che rendono improcedibile la procedura approvata dal Consiglio comunale. Infatti, l’opera non è nuova, ma già classificata dal Piano urbanistico comunale come “opera in corso”, addirittura oggetto di una procedura attuativa e presente della programmazione triennale e annuale delle opere pubbliche degli anni scorsi”. Senza contare che il progetto del “palazzone” viola numerose norme del regolamento edilizio comunale e diverse leggi in materia edilizia e sanitaria”.
Pronta la replica del sindaco Somma: “L’amministrazione Romano – dice -, 10 anni fa, presentò un progetto simile affidato a una società di Pagani. Il nostro, finora, è solo di fattibilità, seguirà un bando a cui potrà partecipare qualsiasi azienda. Il nostro project financing prevede un palazzetto con 1.500 posti a sedere, un parco verde, un parking con 150 posti auto e una stazione per i bus e un intervento di edilizia residenziale con gli stessi metri cubi del progetto della passata amministrazione che, però, prevedeva anche residenze private in via Macello di 2.219 metri cubi, cosa che noi non faremo. Loro prevedevano anche box auto, senza terminal bus. Il contenzioso con la vecchia società riguarda solo l’aspetto finanziario e l’eventuale rimborso che il Comune dovrà darle. La nostra idea progettuale è stata discussa in sei riunioni della commissione urbanistica, all’ultima della quale Caliano non c’era”.

Antonio De Pascale

Next Post

Mercato S.Severino. Progetto di educazione alla lettura

Ven Mar 22 , 2019
“Insegnanti 2.0 Donatori di…Voce! Laboratori di Educazione alla Lettura attraverso le Arti” viene presentato il 22 marzo al Comnune. I dettagli.