MERCATO S.SEVERINO. Muore, a 31 anni, il soldato Gennaro Giordano.

Gennaro Giordano

Era ammalato di  tumore. Aveva svolto missioni di pace all’estero. Era un caporale maggiore scelto del 1° Reggimento artiglieria da montagna, di stanza alla caserma «Perotti» di Fossano (Cuneo).
 
 
 
 
Martedì 5 aprile 2016
MERCATO S.SEVERINO.La comunità è attonita per la morte prematura di Gennaro Giordano, il soldato di appena 31 anni, morto, sabato sera, in seguito a un tumore. Era originario della località Faraldo, una zona posta al confine con il Comune di Fisciano. Giordano era un caporale maggiore scelto del 1° Reggimento artiglieria da montagna, di stanza alla caserma «Perotti» di Fossano (Cuneo). E’ deceduto all’ospedale “San Matteo” di Pavia. Solo a ottobre scorso, aveva scoperto la terribile malattia, dando inizio subito alle cure. Le sue condizioni, purtroppo, sono peggiorate negli ultimi giorni, tanto da causarne il decesso. I funerali si sono svolti ieri pomeriggio, presso la chiesa di “Gesù Lavoratore” di Borgo San Dalmazzo (Cuneo). Gennaro era un militare volontario e, oltre a svolgere il servizio a Fossano, aveva partecipato a diverse missioni di pace all’estero, anche in Afghanistan. Da tempo abitava a Borgo San Dalmazzo con la moglie Enrica Cavallo (titolare di un negozio di acconciature), che lascia insieme alla figlia Matilde (di appena 4 anni), alla madre Carmela Pecoraro e alle sorelle Emanuela e Rossella. Commovente il cordoglio pubblicato su Facebook da un amico, presumibilmente conosciuto nelle corsie ospedaliere: “Te ne sei andato così, con la promessa che tutti e due avremmo superato lo stesso male che combattevamo dandoci forza a vicenda… La vita è ingiusta… Ciao Gennaro, non è un addio ma un arrivederci”. La notizia si è diffusa in città nella giornata di domenica, quando sono stati affissi i manifesti funebri. In pochi, però, avevano subito capito chi fosse quello sfortunato ragazzo, che aveva lasciato in giovanissima età la città capofila della Valle dell’Irno per realizzare il suo sogno professionale: arruolarsi nell’esercito, indossare una divisa e diventare un soldato professionista, per difendere la Patria e aiutare i poveri e gli ultimi della Terra nelle missioni delle forze armate all’estero. Quando poi ieri in città sono giunte notizie più precise, il dolore e la rabbia tra i cittadini sono aumentati ancor di più perché quel ragazzo aveva già sofferto per la prematura scomparsa del papà. Nei bar e per strada in molti commentavano la notizia. In tanti si son fermati dinanzi ai tabelloni dei manifesti funebri. Gennaro era un grande tifoso del Napoli e presidente del club «Borbonica», da lui fondato, che raggruppa centinaia di tifosi di Borgo e Fossano. Domani, alle ore 20, presso la chiesa S.Giovanni in Parco di Mercato S.Severino, verrà ricordato con un’altra messa.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI. Aperte le iscrizioni al corso di operatori per il turismo esperienziale.

Mer Apr 6 , 2016
Il corso è necessario per l’abilitazione ad Operatore per il Turismo Esperienziale.