MERCATO S.SEVERINO. "Intitoliamo una sala parrocchiale a Franco Papa":

Donato Papa

Franco Papa

alcuni fedeli della Parrocchia “S.Antonio” lanciano l’idea di dedicare una sala del convento a Franco, morto nell’incendio dell’abitazione insieme alla mamma, Iole De Marco, e al fratello, Donato. Il 2 gennaio viene eseguita l’autopsia sulle salme delle vittime. I funerali si terranno, probabilmente, il 3 gennaio.
 
Martedì 2 gennaio 2018
Antonio De Pascale
MERCATO S. SEVERINO. La tragedia che ha colpito la famiglia Papa (con la morte della signora Iole De Marco e dei figli Donato e Franco Papa, deceduti, lo scorso 27 dicembre, nell’incendio della loro abitazione) segna, inevitabilmente, queste feste natalizie, che sono velate da una profonda tristezza. Il 2017 porta via con sé, in modo tragico, tre persone amate e benvolute da tutti. Intanto, In città molti si chiedono come commemorare, in particolare, Franco, un cattolico devoto e praticante, che, durante la messa domenicale, leggeva spesso i brani liturgici e che si fermava, ogni giorno, nella cappellina esterna alla chiesa dedicata a Sant’Antonio da Padova, in cui c’è l’adorazione permanente dell’Eucaristia. Molti cittadini lo ricordano con l’immancabile Bibbia stretta sotto il braccio destro, con cui si recava in chiesa. Alcuni amici e parrocchiani sono intenzionati a chiedere ai frati francescani che gestiscono la parrocchia, di intitolargli una sala del convento, una di quelle in cui si tengono le riunioni e i convegni, o un gruppo di preghiera. “Franco lo merita – dicevano, ieri sera, alcune persone in piazza Dante, all’uscita dalla chiesa -. Un cristiano esemplare, tutto dedito alla preghiera, alla famiglia, al suo essere docente di latino e greco. Speriamo che i suoi familiari e i frati francescani siano d’accordo con noi e condividano la nostra proposta”. A tal proposito, abbiamo ascoltato il parere del parroco, il giovane Padre Leone Esposito, in carica a Mercato S. Severino da un anno circa. “Ora è il momento della preghiera – dice padre Leone -, della vicinanza alla famiglia Papa, così profondamente segnata dal dolore. E’ una proposta che si può valutare ma, ovviamente, c’è bisogno del consenso e della condivisione della famiglia. Certamente, Franco era una bravissima persona, un cattolico coerente, un frequentatore assiduo della nostra parrocchia”. Oggi, intanto, presso l’istituto di medicina legale dell’ospedsale “Gaetano Fucito” di Curteri, viene eseguita l’autopsia sulle salme delle tre vittime. I funerali si dovrebbero tenere domani, 3 gennaio, nella Chiesa “S.Antonio”.

Antonio De Pascale

Next Post

CASTEL S.GIORGIO. Il 5 gennaio c'è l'evento "...zitti, zitti...arriva la Befana".

Mer Gen 3 , 2018
Ricco il programma della manifestazione, nella frazione Castelluccio, a partire dalle ore 15,30.