MERCATO S.SEVERINO. INIZIATA, AD ACIGLIANO, LA BONIFICA DELL'AREA IN CUI INSISTEVANO I PREFABBRICATI DISTRUTTI DALLE FIAMME.

L’Arpac ha prelevato campioni del materiale bruciato.  “L’Arpac – dice il sindaco Romano – ha anche effettuato una prima valutazione complessiva del rischio, escludendo pericoli incombenti per l’area e per i residenti”. I dettagli.
 
 
Martedì 7 ottobre 2014
MERCATO S.SEVERINO.Sono iniziate ieri le operazioni di bonifica dell’area di via Delle Puglie, nella frazione Acigliano, in cui insistevano i tredici prefabbricati distrutti da uno spaventoso incendio sviluppatosi nella notte tra sabato e domenica scorsi. Ieri mattina, l’Arpac (Agenzia regionale per la protezione ambientale Campania) ha effettuato il sopralluogo richiesto dall’amministrazione comunale e ha prelevato campioni del materiale bruciato. I risultati delle analisi saranno pronti per il fine settimana.
“L’Arpac – spiega il sindaco Giovanni Romano – ha anche effettuato una prima valutazione complessiva del rischio, escludendo pericoli incombenti per l’area e per i residenti. L’amministrazione comunale ha comunque chiesto anche le analisi dei suoli circostanti, che saranno effettuate in settimana”.
All’esito delle analisi si stabilirà la forma di smaltimento del materiale combusto. Nel frattempo, sono iniziate le operazioni di copertura del materiale bruciato, per una maggiore sicurezza del sito.
Intanto, le due famiglie evacuate e alloggiate in un albergo della città, vi resteranno fino alla consegna degli alloggi di Oscato, prevista fra 15 giorni, come annunciato dal sindaco. Per le nuove case di Oscato si stanno completando le procedure amministrative di collaudo.
Per una delle due famiglie, inoltre, il Comune ha concesso un contributo economico, avendo la stessa perso tutto nell’incendio del container. Nel frattempo, proseguono le indagini dei vigili del fuoco e dei carabinieri per risalire alla causa dello spaventoso incendio.
Sarà difficile, comunque, capire quale sia stata l’origine delle fiamme, perchè le stesse hanno lasciato solo cumuli di cenere e macerie.
L’incendio è partito da un prefabbricato vuoto situato sul lato destro dell’area. Poi, il vento ha fatto propagare velocemente le fiamme agli altri alloggi circostanti, i cui materiali di composizione, legno, plastica, catrame, materiale per la coibentazione, è stato facilmente consumato dalle fiamme. L’incendio è stato domato dal lavoro di trenta vigili del fuoco, provenienti da vari Comuni.

Antonio De Pascale

Next Post

UNIVERSITA' DI SALERNO. LA RADIO DI ATENEO IN DIRETTA STREAMNIG CON RADIOTRE RAI.

Mer Ott 8 , 2014
Una maratona collettiva per festeggiare i 90 anni della Radio Italiana. I dettagli.