MERCATO S.SEVERINO. Il 6 ottobre Messa in ricordo dell'amatissimo don Salvatore Guadagno.

Don Salvatore

Viene celebrata, alle ore 19, nella Chiesa “S.Giovanni in Parco” dall’Arcivescovo Gerardo Pierro. Don Salvatore era il parroco dei giovani, capace di gesti straordinari, come quando, in un rigido inverno, donò le sue scarpe a un povero, tornando a casa a piedi nudi, camminando sulla neve. O come quando, rinunciò all’insegnamento e allo stipendio, per visistare anziani e ammalati. Predicava il Vangelo in tv e alla radio.
 
 
Venerdì 6 ottobre 2017
Antonio De Pascale
MERCATO S. SEVERINO. Oggi sono esattamente 25 anni dalla dipartita di Don Salvatore Guadagno, amatissimo Parroco della città.Per ricordarlo, alle ore 19, presso la Chiesa “S.Giovanni in Parco”, viene celebrata una Santa Messa. Presiede la cerimonia religiosa, Mons. Gerardo Pierro, Arcivescovo emerito di Salerno, affiancato da diversi Sacerdoti. Il ricordo in città di don Salvatore non è mai scomparso e mai scomparirà, per il tanto bene che fece alla sua Comunità. Diversi gli episodi che ne attestano la grandezza. Come quando, in un rigido inverno degli anni ’60, incontrò un povero, scalzo. Don Salvatore si tolse le scarpe, le donò all’indigente e tornò a casa, camminando a piedi nudi sulla neve. O come quando rinunciò all’insegnamento e allo stipendio per poter visitare e consolare ammalati e anziani. Predicava il Vangelo sulla tv locale “T.R.S. Teleirno”. Era amatissimo dai giovani, che, a decine, frequentavano il suo oratorio, consapevoli che in lui trovavano una guida saggia. Per difendere la sua Comunità, non rinunciava a pungolare l’Amministrazione comunale del tempo. Il Comune, alcuni anni fa, gli ha intitolato la scuola materna ed elementare di via Municipio.
Don Salvatore

Antonio De Pascale

Next Post

CASTEL S.GIORGIO. Il 7 ottobre convegno al Comune sulle pari opportunità.

Sab Ott 7 , 2017
L’assessore Giustina Galluzzo. “Pronti al dialogo con tutti per non escludere nessuno. Pronti a creare uno sportello per le pari opportunità e ad abbattere tutte le barriere architettoniche presenti negli edifici comunali della città”.