MERCATO S.SEVERINO. Deiezioni canine, il Sindaco reitera un'ordinanza per il corretto rapporto uomo-animali.

Controlli più severi e multe ai proprietari degli animali che non rispettano le regole del settore. I particolari
 
 
 
 
Lunedì 21 settembre 2015
MERCATO S.SEVERINO. Il Sindaco, Giovanni Romano, ha emesso una nuova ordinanza per richiamare la pubblica attenzione sul doveroso rispetto di alcune regole di condotta volte a tutelare l’ambiente e a raggiungere un equilibrato rapporto di convivenza uomo-animale. 

“Con quest’ordinanza – precisa il Sindaco Romano – chiediamo ai proprietari dei cani il rispetto di alcune regole, considerato che essi sono responsabili del benessere, della conduzione e del controllo dell’animale. Sui marciapiedi e nelle aree pubbliche viene di sovente riscontrata la presenza di deiezioni animali, che causano disagi per la fruizione degli spazi pubblici da parte della collettività, pregiudicando il decoro urbano, e paventando un rischio per la salute pubblica”.
Solo una minima parte dei conduttori dei cani non rispetta le regole del settore.
“E’ dovere civico dei detentori di cani – prosegue il primo cittadino –provvedere alla raccolta delle deiezioni lasciate sul suolo dai propri animali con mezzi adatti allo smaltimento. A tal fine, essi dovranno essere muniti di apposite palette, sacchetti di plastica o qualsiasi altro strumento idoneo alla raccolta delle deiezioni canine, onde poter rimuovere gli escrementi. Reiterate segnalazioni giungono presso gli uffici comunali circa il mancato rispetto di queste norme basilari, tra cui il libero accesso dei cani nei luoghi pubblici, privi di guinzaglio e, per talune razze, di museruola. Inoltre, abbiamo anche ritenuto necessario prevedere come sanzionabile il comportamento dei cittadini che alimentano i cani randagi e i cani di quartiere, abbandonando sul suolo il cibo. In questo caso, è obbligatoria la rimozione degli avanzi per evitare pericoli di natura igienico-sanitaria. Pensiamo che sia indifferibile determinare una giusta e più adeguata compatibilità tra il mantenimento dell’igiene del suolo pubblico, la tutela della sicurezza personale e la detenzione di detti animali. Si tratta di provvedimenti preventivi finalizzati alla tenuta del decoro dell’ambiente e dell’arredo urbano, allo scopo di consentire il miglior utilizzo, da parte della cittadinanza, degli spazi pubblici, in particolare di parchi, giardini e altre aree verdi. La violazione a ciascuna disposizione dell’Ordinanza è punita con l’applicazione di sanzioni previste da specifiche leggi statali e regionali in materia”.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI. Abbonamenti studenti al Cstp: acquisto e rinnovo in Comune.

Mar Set 22 , 2015
I particolari.