MERCATO S.SEVERINO. IL FORTE VENTO SCOPERCHIA PARTE DEL TETTO DEL LICEO "VIRGILIO".

La parte del tetto del Liceo "Virgilio" interessata dal crollo (irnonotizie.it)

Le raffiche di vento dei giorni scorsi hanno divelto due pannelli di plexiglass. L’episodio è avvenuto quando il plesso era chiuso. 700 studenti non entrano a scuola. Il nuovo istituto atteso da 20 anni. I dettagli.
 
 
 
Giovedì 8 gennaio 2015
MERCATO S.SEVERINO. Vacanze prolungate per 700 studenti circa del liceo “Virgilio”, ospitato presso il centro sociale “Marco Biagi”. La nevicata di fine anno e le forti raffiche di vento dei giorni scorsi, hanno scoperchiato parte del tetto del plesso. In particolare, sono stati sollevati due pannelli trasparenti in plexiglas che formano una sezione del tetto della struttura, nel tratto corrispondente al corridoio della scuola, su cui si affacciano alcune aule (nella foto: clicca col mouse sull’immagine per ingrandirla).
Gli Enti preposti hanno cercato di tamponare l’emergenza, sostituendo i pannelli divelti con teloni di plastica trasparenti.
Ma, ieri mattina, gli alunni che si apprestavano a tornare in classe dopo le vacanze, non son voluti entrare nelle aule. Temevano che il vento e il freddo potessero penetrare attraverso i teloni di plastica e giungere nelle aule.
Sempre ieri mattina, altri studenti della sezione del linguistico del “Virgilio”, ospitata presso l’ex sezione del Tribunale, in via Rimembranza, hanno disertato i banchi perchè i termosifoni non funzionavano.
Delusa la preside, Luigia Trivisone, che non ha voluto commentare i due episodi, facendo trasparire amarezza.
Da 20 anni infatti la città attende la costruzione del nuovo plesso scolastico.
Un progetto nato con l’amministrazione provinciale guidata dall’ex presidente Alfonso Andria a metà anni ’90.
Le frane del 5 maggio 1998 e la conseguente definizione delle “zone rosse”, bloccarono l’intervento.
Gli allora consiglieri provinciali Enzo Farace e Carmine Ansalone si scontrarono con alcuni privati che si opponevano all’esproprio dei terreni in cui costruire la nuova scuola.
Con l’amministrazione provinciale guidata dall’ex presidente Edmondo Cirielli, i lavori iniziarono nella frazione Lombardi. Ma ora sono fermi da quasi 2 anni.
“E’ nostra priorità – dice Antonio Rescigno, attuale consigliere provinciale – far ripartire i lavori per il nuovo istituto. Ne sto parlando col presidente Canfora per capire i motivi del blocco e per farli ripartire. S.Severino e l’intera Valle dell’Irno meritano un istituo all’avanguardia, all’altezza dell’eccellente offerta formativa che garantisce il Virgilio”.
A dicembre scorso, il sindaco Giovanni Romano aveva scritto a Canfora sollecitando la manutenzione della scuola e la ripartenza dei lavori per la nuova sede.
Al “Virgilio”, che oggi vanta mille studenti circa, si sono formati migliaia di giovani, molti dei quali sono diventati ottimi professionisti.

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. LICEO "VIRGILIO", CONTINUA LA PROTESTA DI 700 STUDENTI.

Ven Gen 9 , 2015
Anche ieri e oggi gli studenti non sono entrati in classe, dopo che il vento dei giorni scorsi ha divelto due pannelli del tetto. Intanto, la Provincia dà l’ok all’agibilità della scuola. I dettagli.