MERCATO S.SEVERINO. A Pandola vinti 500mila euro con un gratta e vinci da 5 euro.

Il giocatore super-fortunato è forse una persona di passaggio, tifoso dell’Avellino. La vincita-record è stata centrata presso la ricevitoria di Peppe Citro e Gerardina Izzo, a Pandola. I dettagli.
 
 
 
Martedì 16 giugno 2015
MERCATO S.SEVERINO. E’ la vincita record di ogni tempo per la Valle dell’Irno: un super fortunato giocatore ha vinto ben 500mila euro con un biglietto gratta e vinci di 5 euro, della serie “Doppia sfida”.
Il biglietto è stato acquistato presso la ricevitoria-edicola gestita da Giuseppe Citro e Gerardina Izzo, situata in via Delle Puglie, 71, alla frazione Pandola.
“Mi è arrivata la comunicazione ufficiale della vincita da parte di “Lottomatica” – dice Peppe Citro -, che ha confermato la vincita dei 500mila euro per il biglietto acquistato presso la mia ricevitoria. Non so chi possa essere il vincitore, ma ho un sospetto su una persona non del posto. Infatti, tra i miei clienti abituali, non ho visto atteggiamenti di giubilo, né se ne è parlato finora”.
“Io faccio anche da biglietteria per l’Avellino calcio – prosegue Citro – e non escludo che qualcuno di passaggio abbia acquistato il biglietto per lo stadio irpino e il gratta e vinci fortunato”.
Poi, una riflessione un po’ amara di Citro: “non ho trovato – dice – il classico biglietto anonimo di ringraziamento sotto la saracinesca del mio locale. Fa niente, sono contento che presso la mia ricevitoria sia stata centrata una vincita così importante”.
Dunque, la dea bendata ha baciato di nuovo Mercato S.Severino.
Due anni fa circa, un operaio vinse 377mila euro alla Snai.
Altre vincite importanti sono state registrate presso la ricevitoria-edicola di Peppe Guadagno, situata in corso Diaz, e presso la ricevitoria di Enzo Troiano, a Curteri.

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Proteste a Costa e a Curteri per il trasferimento dei Parroci.

Mer Giu 17 , 2015
Don Rafaele De Cristofaro e Don Alfonso Gentile verranno trasferiti in altre Parrocchie. La decisione è del Vescovo di Salerno. I dettagli.