Legambiente presenta l'indagine "Beach Litter 2018":

Ecco come dovrebbe essere il mare

In Campania 22 spiagge monitorate: 7 rifiuti ogni metro di spiaggia, in totale oltre 15mila rifiuti spiaggiati.  Nel salernitano sono state 15 le spiagge monitorate, in cui sono stati censiti 6.085 rifiuti spiaggiat. Le situazioni più critiche: spiaggia libera Magazzeno di Pontecagnano, spiaggia libera Foce Tusciano di Battipaglia e spiaggia via lungomare Tafuri di Salerno. Nel Cilento, le spiagge piu’ virtuose. Il dossier completo è scaricabile sul sito www.legambiente.campania.it   I dettagli.

 
 
Sabato 26 maggio 2018

Antonio De Crescenzo

CAMPANIA. Sono sette rifiuti ogni metro di spiaggia quelli che incrociamo passeggiando sull’arenile delle nostre coste. Sono anche i rifiuti spiaggiati, o gettati consapevolmente, di ogni forma, genere, dimensione e colore come bottiglie, mozziconi di sigarette, cotton fioc, stoviglie usa e getta. Tutti rifiuti gettati consapevolmente o che provengono direttamente dagli scarichi non depurati e dall’abitudine di utilizzare i wc come una pattumiera e soprattutto dalla cattiva gestione dei rifiuti a terra. È quanto emerge dall’indagine Beach Litter 2018, condotta da Legambiente, che ha monitorato, in Campania, 22 spiagge per un totale di 78mila metri quadrati, rilevando una media di 691 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia, per un totale di 15.201 rifiuti spiaggiati. In Campania, quindi, sulle nostre spiagge, incrociamo 7 rifiuti ogni metro. E, anche quest’anno, la regina indiscussa dei rifiuti spiaggiati sulle spiagge campane, rimane la plastica, con il 77% del totale dei rifiuti rinvenuti, seguita da vetro/ceramica (8,8%) carta/cartone(5 %) .

La situazione più critica, è stata rilevata sulla spiaggia di Mortelle di Portici (Na), dove è stato trovato il più alto numero di rifiuti: 2.220 rifiuti in 100 metri. Dei rifiuti rinvenuti, il 54% riguarda materiale in plastica. Maglia nera anche per l’Arenile di Castellammare di Stabia, con 1.872 rifiuti in 100 metri di spiaggia, di cui 64% dei rifiuti monitorati è plastica. Segue la spiaggia Monachelle di Pozzuoli, dove, in 100 metri di spiaggia, sono stati rinvenuti 1.424 rifiuti, di cui il 87 % rappresentato da plastica. Le spiagge campane virtuose con meno rifiuti ritrovati, si trovano nel Cilento: la spiaggia di Piano di Velia di Ascea con 39 rifiuti in 100 metri e Grotta della Cala di Camerota, con 42 rifiuti in 100 metri di spiaggia.

Nel dettaglio, nel salernitano sono state 15 le spiagge monitorate, dove sono stati censiti 6.085 rifiuti spiaggiati pari al 40% del totale dei rifiuti ritrovati sulle 22 spiagge campane.

La situazione più critica è stata rilevata sulla spiaggia libera Magazzeno di Pontecagnano, con 1.260 rifiuti ritrovati, di cui il 90% riguarda rifiuti di plastica, segue la spiaggia libera Foce Tusciano di Battipaglia con 963 rifiuti in 100 metri di spiaggia, di cui 91% dei rifiuti monitorati è plastica. Segue la spiaggia via lungomare Tafuri di Salerno, dove in 100 metri di spiaggia sono stati rinvenuti 754 rifiuti, di cui il 68 % rappresentato da plastica.

La cattiva gestione dei rifiuti urbani, è la causa principale della presenza dei rifiuti (48%), ma anche la carenza dei sistemi depurativi (12%, la media nazionale si attesta sul 10%).

In particolare i rifiuti derivanti dalla cattiva gestione urbana, per le spiagge campane, sono rappresentati da rifiuti derivanti da abitudini dei fumatori (principalmente mozziconi di sigaretta, ma anche accendini, pacchetti di sigarette e loro imballaggi) e da imballaggi alimentari.

“L’indagine di Legambiente- commenta Francesca Ferro, direttore Legambiente Campania- è una delle più importanti azioni a livello internazionale di citizen science, il risultato di un monitoraggio eseguito direttamente dai volontari dei circoli dell’associazione, che setacciano le spiagge contando i rifiuti presenti secondo un protocollo scientifico riconosciuto dall’Agenzia Europea dell’Ambiente, a cui ogni anno vengono inviati i dati dell’indagine. I risultati dimostrano, ancora una volta, come il problema dei rifiuti in mare e sulle coste, ormai è un fenomeno grave dal punto di vista ambientale, economico e turistico e necessita l’urgenza di mettere in atto programmi concreti per la loro progressiva riduzione. È assurdo – conclude direttore Legambiente Campania – che, ancora oggi, la stragrande maggioranza dei rifiuti deriva da un abbandono consapevole in loco, testimoniando la totale indifferenza verso i notevoli impatti che questo comportamento ha sull’ambiente costiero e marino. È importante incentivare, su tutto il territorio regionale, campagne di prevenzione, sensibilizzazione e informazione, che coinvolgano amministrazioni e i cittadini, incoraggiando una corretta gestione dei rifiuti e una partecipazione attiva.”

L’indagine è stata presentata in occasione di Spiagge e Fondali Puliti – Clean Up The Med, realizzata in Campania in collaborazione con Sarim e che, in questo wee-kend week-end, vedrà impegnati migliaia di volontari in oltre 20 località per la pulizia per gli arenili, fondali e spiagge campane. Tra gli appuntamenti principali, sabato 26 maggio a Salerno, nell’ambito del Pride Salerno, la pulizia dell’arenile e i fondali della spiaggia di Santa Teresa. A Paestum appuntamento presso litorale di Capaccio- Torre di mare. (Clicca sulla foto per ingrandirla)

 
Monitoraggio Beach Litter 2018

Provincia Comune Nome della spiaggia Rifiuti

plastica

Caserta Castel Volturno Spiaggia libera di Lago Patria

1038

92%

Salerno Battipaglia Foce fiume Tusciano

963

91%

Napoli Pozzuoli Monachelle

1424

87%

Napoli Castellammare di Stabia Arenile

1872

64%

Salerno San Mauro Cilento Mezzatorre

653

77%

Salerno Pontecagnano Faiano Magazzeno – spiaggia libera

1260

90%

Salerno Eboli Area protetta dunale Legambiente

180

82%

Salerno Agropoli Baia Trentova

274

72%

Salerno Agropoli Vallone

502

86%

Salerno Agropoli Torre San Marco

170

86%

Salerno Camerota Grotta della Cala

42

69%

Salerno Centola Spiaggia delle Saline

185

62%

Salerno Pollica Pioppi

256

89%

Salerno Casalvelino Dominella

277

92%

Salerno Montecorice Agnone C.to

206

80%

Salerno Ascea Piana di Velia

39

85%

Salerno Capaccio Paestum Oasi Dunale

324

95%

Napoli Forio Cava dell’Isola

886

97%

Napoli Napoli Lido Mappatella Lungomare Caracciolo

870

68%

Salerno Salerno via lungomare Tafuri

754

68%

Napoli Portici Mortelle

2220

54%

Napoli Torre del Greco Ponte della Gatta

806

71%

 
 

Antonio De Pascale

Next Post

Salerno. Dal 29 maggio al 3 giugno Campionato Mondiale di vela per non vedenti

Sab Mag 26 , 2018
“Consegniamo alla città di Salerno e alla Regione Campania, uno straordinario evento sportivo. Una grande iniziativa di sport che trasmette ai giovani e all’intero territorio, una lezione di vita. Sport e civiltà”: così l’avvocato Giovanni Carrella, Presidente dell’Azimut, presenta il Campionato Mondiale “Homerus-Azimut Salerno scsd”. L’evento è organizzato dall’Azimut Salerno […]