BARONISSI. Il "PalaIrno" non ha i requisiti strutturali per ospitare l'A2 di volley.

La P2P di volley femminile disputerà l’A2 in una struttura di Pellezzano.
 
 
 
Mercoledì 26 luglio 2017

BARONISSI. Il Palairno di Baronissi non ha i requisiti strutturali per ospitare il campionato di pallavolo di serie A2. Lo precisa in una nota il Comune di Baronissi. “I campi di serie A di volley hanno condizioni che il Palairno non potrà mai avere – precisa il sindaco Gianfranco Valiante –; con il presidente della P2P, Franco Montuori, abbiamo un ottimo rapporto di collaborazione ma, purtroppo, la verifica dell’idoneità dei campi di gioco per la disputa di incontri di A2 femminili di pallavolo è di competenza della Lega e il Palairno non ha le caratteristiche per ospitare il campionato. Occorre, ad esempio, un’altezza dell’impianto di 8,10 metri: il Palairno è alto 7 metri. Gli impianti di gioco devono avere la capienza minima omologata di 500 spettatori, mentre il Palairno non supera i 250. Purtroppo, l’impianto è stato progettato e realizzato così, non possiamo intervenire. Peraltro, la società, ben consapevole dei limiti strutturali dell’impianto, non ci ha mai ufficialmente comunicato la volontà di utilizzare per la A2 il Palairno”. Si ribadisce che, per misure minime, si intendono quelle al di sotto delle quali non sarà possibile concedere alcun tipo di deroga. Oltre all’altezza minima dell’impianto e alla capienza delle tribune, il Palairno non è dotato di sala stampa. “Le polemiche sono inutili – conclude il sindaco – come sempre si parla tanto per parlare. La P2P è una squadra di Baronissi, con un settore giovanile importante che coinvolge tanti ragazzi della nostra città. E’ un patrimonio che tuteliamo ogni giorno ma che, purtroppo, nel caso di regole così stringenti, non ci consentono margini di miglioramento strutturale dell’impianto”.

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Tavolo tecnico per contrastare gli incendi boschivi.

Mer Lug 26 , 2017
Il Sindaco Antonio Somma ha incontrato Carabinieri, Polizia Municipale e volontari della Protezione civile Epi.