BARONISSI. IL 12 novembre – ore 18 – inaugurazione delle luminarie natalizie "Luci dell'Irno-Costellazioni Infinite", realizzate dall'Accademia di Brera (Milano).

La conferenza stampa di presentazione dell'evento

Un particolare delle Luci dell'Irno

Madrina della serata: Stefania Orlando. Progetto varato dall’Amministrazione comunale con il Museo FRaC e realizzato con il sostegno della Regione Campania. Quattro km. di opere d’arte che ridisegnano l’ambiente urbano e lo trasformano in luogo di operatività creativa. “Un evento che l’anno scorso ha richiamato 350mila visitatori, quest’anno andava ulteriormente sviluppato –  dice il sindaco, Gianfranco Valiante –. Lo abbiamo fatto avvalendoci degli straordinari artisti di Brera e di un’offerta turistica di qualità che coniuga arte contemporanea, cultura, buon vivere ed enogastronomia”. Il programma e tutti i dettagli sull’atteso evento.
 
Venerdì 11 novembre 2016
BARONISSI. Non più semplici luminarie natalizie ma quattro km di opere d’arte che ridisegnano l’ambiente urbano e lo trasformano in luogo di operatività creativa. Caprioli che fuggono nel bosco, giocolieri in bilico sui trapezi, il pastore Benino con occhiali e capelli scompigliati, sciatori, babbi Natale ma anche effetti di luci colorate che si stagliano nel buio della notte. Baronissi “accende” le Costellazioni Infinite, con le opere di light art curate dagli artisti dell’Accademia di Belle Arti di Brera. L’evento – promosso dal Comune di Baronissi con il Museo FRaC e realizzato con il sostegno della Regione Campania – sarà inaugurato sabato 12 novembre alle ore 18.00, dalla madrina Stefania Orlando. Alle ore 17:00, nel Museo-Frac sarà inaugurata la Mostra che propone i progetti, le maquette, i rendering, le opere degli undici artisti che hanno realizzato le installazioni. “Costellazioni infinite” propone dieci installazioni di light art, progettate site specific per il centro urbano di Baronissi, realizzate da Cristina Anna Aldrighi, Niccolò Casati, Adriano Lombardo, Luca Maestroni, Marta Santone, Maddalena Sirtori, Michela Zaghi, Yuchen Wang, Deng Wei, Dai Yujie giovani artisti che frequentano l’Accademia di Brera alle quali si affianca quella dell’artista salernitana Bruna Pallante. Non mancheranno il Villaggio di babbo Natale con casetta e slitta al parco della Rinascita, mercatini in Villa Comunale (dal 3 dicembre), concerti, artisti di strada, un trenino turistico per le strade della città, laboratori enogastronomici gratuiti, animazione per bambini. Con la Consulta delle Attività produttive, inoltre, è stata programmata per il 23 dicembre la Notte Bianca con Paolo Belli e la Big Orchestra. Per tutti i fine settimana, i negozi resteranno aperti fino a tarda sera, con isola pedonale per il Corso Garibaldi. “Un evento che l’anno scorso ha richiamato 350mila visitatori quest’anno andava ulteriormente sviluppato –  ha spiegato il sindaco Gianfranco Valiante in conferenza stampa – lo abbiamo fatto avvalendoci degli straordinari artisti di Brera e di un’offerta turistica di qualità che coniuga arte contemporanea, cultura, buon vivere ed enogastronomia. Vogliamo mettere in serio imbarazzo i nostri concittadini che possono scegliere di andare a Salerno sulla bellissima ruota ma possono anche scegliere di trascorrere belle serate qui. Ma vogliamo mettere in serio imbarazzo anche chi non abita a Baronissi che potrà scegliere la nostra città per ammirare le bellissime opere di ligt art che esporremo”. Presenti alla conferenza stampa anche l’assessore al turismo Maria De Caro, il professore Massimo Bignardi direttore del Museo Frac, il professore Rosario D’Acunto direttore Iat.
____________________________________________________________________________________
BARONISSI. Sabato 12 novembre, ore 17:00, nel Salone delle conferenze del Museo-Frac di Baronissi, il sindaco Gianfranco Valiante, il prof. Massimo Bignardi direttore del Frac e il prof. Vittorio Corsini  dell’Accademia di Belle Arti di Brera-Milano, inaugurano la mostra  COSTELLAZIONI INFINITE. International festival of Light Art, che propone i progetti, le maquette, i rendering, le opere degli undici artisti che hanno realizzato le installazioni per l’edizione 2016 di LUCI dell’IRNO-COSTELLAZIONI INFINITE, primo festival internazionale di light art.
La manifestazione promossa dal Comune di Baronissi, dall’Accademia di Brera e dal Museo-FRaC, è stata resa possibile grazie al sostegno della Regione Campania, assessorato allo Sviluppo e Promozione del Territorio, quale intervento co-finanziato dal POC Campania 2014-2020 “Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e la cultura. Programma regionale di eventi e iniziative promozionali”.
Gli interventi e la mostra, la cui direzione scientifica è stata affidata a Massimo Bignardi e Vittorio Corsini, con il coordinamento organizzativo e logistico di Felicia Landi, Massimo Pellegrinetti, Rosario D’Acunto, propongono dieci installazioni di light art, progettate site specific per il centro urbano di Baronissi, realizzate sul tema “le luci pensate, le luci immaginate, le luci sognate”, da Cristina Anna Aldrighi, Niccolò Casati, Adriano Lombardo, Luca Maestroni, Marta Santone, Maddalena Sirtori, Michela Zaghi, Yuchen Wang, Deng Wei, Dai Yujie giovani artisti che frequentano l’Accademia di Brera alle quali si affianca quella dell’artista salernitana Bruna Pallante.
“La mostra Costellazioni Infinite allestita nel Museo-FRaC di Baronissi – precisa Gianfranco Valiante nella presentazione al catalogo pubblicato da Gutenberg Edizioni –, testimonia il lavoro svolto in questi mesi dagli artisti , attentamente documentato nelle pagine di questo catalogo: essa si inserisce nel fitto programma di iniziati ve che hanno quale obietti vo di concorrere alla promozione dell’immagine turistica della Campania in ambito nazionale ed internazionale e di promuovere il territorio e della Valle dell’Irno, proponendo un percorso integrato capace di unire i linguaggi dell’arte contemporanea con il tradizionale patrimonio naturale, dei centri storici e dei siti culturali, coinvolgendo le filiere enogastronomica ed ambientale con la partecipazione degli operatori della comunità locale”.
“Quando Massimi Bignardi – scrive Vittorio Corsini – mi chiamò per invitarmi a progettare le “luci dell’Irno” pensai fosse una bella occasione per gli studenti , e una cosa semplice per me seguirli in questa avventura. Ma trasformare una luminaria, fatt o popolare lontano dalle vicende dell’arte, in un evento d’arte, in cui il pensiero la visione e l’immaginazione diventassero i protagonisti della scena e fossero percepiti come tali è stata un percorso laborioso, e talvolta fati coso. Alle prime idee si sono aggiunti ripensamenti , dubbi, trasformazioni, ribaltamenti . Ogni giovane arti sta ha seguito una propria strada, con intuizioni e processi personali di elaborazione talvolta rinunciando a qualcosa, altre volte trovando qualcosa di nuovo, ma sempre con la consapevolezza di accendere una scintilla, un’intuizione: c’era qualcosa da dire”.
“Sono opere – evidenzia Massimo Bignardi – che dialogano con l’urbano, proponendosi nella loro pratica di elementi scultorei temporanei, interpreti dello spazio che l’uomo contemporaneo vive in una percezione transitoria, andando al di là di una concezione che considera la luce un’aggiunta fortuita e notturna a quella che è la solida struttura delle architetture che compongono la città. Da installazioni aeree e architettoniche realizzate con luci a led che rispondono ad un progetto di arte ambientale, costruendo percorsi di immagini grazie a sculture animate che movimentano i cieli delle strade, si arriva a strutture plastico/architettoniche, nuovi corpi della realtà urbana, fi no ad installazioni che sperimentano il nastro dei led per ridisegnare alcuni “luoghi” di Baronissi”.
Ufficio stampa: Caterina  La Bella
Eventi, didattica e visite guidate: Fonderie Culturali

Luci dell’Irno – Costellazioni infinite
Città di Baronissi
Novembre 2016 > Gennaio 2017
iat@comune.baronissi.sa.it
facebook.com/IATdiBaronissi
TUTTO IL PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE È CONSULTABILE AL LINK
www.comune.baronissi.sa.it/Vivi-Baronissi
 
Ufficio stampa Luci dell’Irno – Costellazioni infinite
ddl studio | T +39 02 8905.2365
Maria Chiara Salvanelli | E-mail: mariachiara.salvanelli@ddlstudio.net |

Alessandra de Antonellis | E-mail: alessandra.deantonellis@ddlstudio.net |

Orario di apertura: lunedì – giovedì ore 9:00/12:30    lunedì e giovedì anche ore 16:00/18:30

venerdì e sabato: ore 10:00 /13:00; 17:00/20:00 domenica e festivi: ore 10:00/13:00; 17:00/21:00

 

Convento Francescano SS. Trinità, 84081 – Baronissi

Settore Affari Generali ed Amministrazione Strategica – Servizi alla Persona, Comune di Baronissi  – tel. 089 828209 – fax 089 828217

E-mail: cultura@comune.baronissi.sa.it – Sito Web: www.comune.baronissi.sa.it

FRaC Baronissi

MUSEO-FONDO REGIONALE D’aRTE CONTEMPORANEA

Comune di Baronissi – Regione Campania

 

 

COSTELLAZIONI INFINITE

International Festival of Light art

 

 

Galleria dei Frati

 

12.11>4.12.2016

Schede biografiche degli artisti invitati:
 
 
Cristina Anna Aldrighi
Nata a Trescore Balneario in provincia di Bergamo, nel 1981, si diploma alla scuola d’Arte applicata Andrea Fantoni di Bergamo; successivamente si laurea con lode all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, dipartimento Arti visive, scuola di Scultura, primo livello. Attualmente frequenta il biennio di scultura all’Accademia di Brera.
 
Niccolò Casati
Nato a Milano nel 1992, dal 2006 al 2010 frequenta il Liceo Artistico Statale “Paul Klee – Nicolò Barabino” di Genova. Dopo il conseguimento del diploma s’iscrive alla scuola di scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, dove nel 2014 conclude il primo ciclo di studi a pieni voti. Sempre nello stesso anno un suo bozzetto viene scelto per la realizzazione in grande per il Progetto Matrix. La scultura, realizzata in marmo di Carrara, misura oltre 2 metri di altezza e si trova in piazzale Leonardo da Vinci ad Imbersago (LC). Attualmente frequenta il biennio di specializzazione nel medesimo ateneo. Lavora con ogni tipo di materiale; dai più tradizionali come il marmo e le pietre dure a quelli più contemporanei. La sua ricerca artistica verte su un forte interesse per l’identità e per il segno, che siano essi di tipo corporeo o materiale.
 
Adriano Lombardo
Nato a Segrate il 24 Aprile del 1990, consegue il diploma in “scultura e plastica ornamentale” nell’anno 2010, presso il “Liceo Artistico Tommaso Campanella”. Subito dopo il liceo si trasferisce a Milano per continuare gli studi artistici presso “L’ Accademia delle Belle Arti di Brera”, dove tutt’ ora sta finendo gli studi del Biennio Specialistico di scultura. La sua ricerca è un percorso che nasce dal concetto di Spazio e inizia dall’osservazione dello spazio che lo circonda fino ad arrivare allo spazio cosmico. “Mentre cammino lo spazio che mi circonda si trasforma, suggerendone la forma, la quale è ridotta ai minimi termini, alla sua essenza.” Nel 2014 partecipa a Step Art Fair alla
Fabbrica del Vapore di Milano, sempre a Milano, nel 2013, espone alla chiesa di S. Bernardino alle monache per il festival della musica antica organizzata dalla biennale di Firenze. In mostra alla chiesa di S. Carpoforo di Milano per “Arti visive e biomimetica” e per l’evento “bio-contaminazioni, il rapporto di arte-natura nel territorio”. Nel 2011 espone al Museo della Permanente partecipando ad “Arte sotto Milano”.
 
Luca Maestroni
Nasce a Bergamo il 19 marzo 1990. Consegue il diploma presso il Liceo Artistico di Bergamo (Giacomo e Pio Manzù) dove apprende i rudimenti delle tecniche pittoriche e plastiche. Studente all’Accademia di Belle Arti G. Carrara di Bergamo, frequenta l’indirizzo Pittura. Questo è un breve periodo di indagine sul legame tra Oriente ed Occidente, culminante con la tesi Sguardi a Occidente, dove l’artista analizza i sentieri culturali di sei differenti nazioni medio-orientali ed asiatiche. Conclude il suo percorso di studi a Bergamo con la valutazione di 110 su 110. Ora l’artista frequenta il biennio di specializzazione in Scultura presso l’Accademia di Brera a Milano: il suo interesse ruota attorno alla natura filtrata dall’azione dell’uomo. Tra i diversi risultati conseguiti il più recente è il primo premio ottenuto al Simposio del Marmo di Vitulano (BN) 2016.
 
Bruna Pallante
Nata ad Eboli, consegue il diploma presso il Liceo Artistico di Eboli e, successivamente, si forma a fianco di Gelsomino D’Ambrosio presso lo Studio Segno Associati di Salerno. Nel 2005 fonda, con Alessandro De Sio lo studio Motive, tra le realtà emergenti della grafica campana con 68 il quale partecipa: al Premio Web Italia categoria arte (2008) primo Premio con il sito del violinista Uto Ughi; primo premio con il “Bollettino del Comune di Eboli” del COMPA “Premio Cento per la stampa Locale” (2009); primo premio concorso nuovo logo “Sodalis CSV Salerno” (2011); primo premio concorso logo “Parco delle Arti di Bitonto” (2013); primo premio, per la categoria “various”, del OneMorePack 2014 premio di Creative Packaging Design. Dal 2011 iscritta come origamista al CDO. Ha esposto le sue illustrazioni alla Galleria FES di Minori ed ha pubblicato i suoi modelli di origami su libri di settore. Nel 2016 ha disegnato ed esposto un quadrone artigianale di terracotta a bassorilievo, maiolica, cm 40×40 al Circolo Arci Prometeo di Faenza e al Museo Civico della Ceramica di Nove. bruna@studiomotive.it www.studiomotive.it
 
Marta Santone
Nata a Penne nel 1992 frequenta la sezione musicale delle scuole medie G. Chiarini di Chieti dove ha l’occasione di esibirsi assieme ad alcune orchestre nazionali. Si diploma al Liceo Classico G.B.Vico, continuando l’esplorazione artistica grazie al workshop teatrale organizzato dall’attrice Veronica Pace. Dal 2010 si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Brera, dove consegue la laurea in Grafica. Partecipa al progetto Jazz for Food per la realizzazione di copertine musicali. Al workshop Paesaggi Italiani sull’esplorazione del panorama artistico nazionale ed al workshop organizzato dalla prof.ssa Cloe Piccoli in occasione della mostra dell’artista Philippe Parreno all’Hangar Bicocca di Milano. Ha l’occasione grazie alla Lega del Filo d’Oro di avvicinarsi al mondo degli ipovedenti ed ipoudenti, imparando il linguaggio dei segni e conoscendo una diversa prospettiva di vedere le cose, esperienza che anche se non direttamente contribuisce a formare la sua percezione artistica. Iscritta alla specialistica in Scultura con il Prof. Vittorio Corsini, vive attualmente a Porto dove sogna di guidare una barca.
 
Maddalena Sirtori
Nata a Merate (LC) nel 1992, consegue la maturità artistica presso Liceo artistico Medardo Rosso, Lecco; nel 2015 il diploma di primo livello in Pittura presso Accademia di Belle Arti di Brera. Ha partecipato alle seguenti mostre collettive: 2007 “Omaggio a Roberto”, ex municipio, Lomagna (LC); 2008, “Omaggio a Roberto”, ex municipio, Lomagna (LC); “specchiarsi in Brivio”,biblioteca, Brivio (LC); 2010, concorso organizzato da Co Co Co, Como Contemporary Contest, Como; 2011,”Lecco, città del ferro”, Torre Viscontea di Lecco, con un’installazione; 2012 “In Arte Exibit”-”Premio Enogenius”, promosso dalla rivista specializzata “In Arte Multiversi”, Palazzo Frusci a Barile (PZ); 2012 rassegna “IncontrArte”, l’ex convento dei Frati Minori a Brienza (PZ); 2016 “Differences”, Palazzo Cittadini-Stampa di Abbiategrasso (MI); 2016 “Concorso Palma il Vecchio- Migrazioni, nuovi orizzonti”, convento di Santa Trinità, Serina (BG). Ha preso parte ai seguenti workshop: 2012, Guardistallo (LI), presso il centro residenziale Il Borgo, realizzazione di opere pittoriche da collocare in alcune sale; 2012, workshop riguardante l’arte e la poesia, a cura del poeta Guido Oldani; 2016, “Workshop Pittura & Performances”, riguardante i colori primari e la loro storia, tenutosi a Roma.
 
Michela Zaghi
Nata a Cernusco sul Naviglio, in provincia di Milano, nel 1975 consegue il diploma socio pedagogico nel 1995, presso l’Istituto tecnico sperimentale I.T.S.O.S. Marie Curie di Cernusco sul Naviglio. Nel 2011 si iscrive all’ Accademia di Belle Arti di Brera, dove nel 2016 si laurea in pittura con una ricerca sull’” Immagine del Cielo”. L’esperienza in accademia, grazie ai corsi frequentati e al vivace fermento culturale, ai diversi workshop ai quali ha partecipato, tra cui si ricorda “Arte e Poesia” nel 2013 tenuto dal Prof. Stefano Pizzi nel corso di Pittura a Milano in S. Caporforo, e “Arte e Colore” workshop tenuto dal Prof. Angelo Falmi a Roma sullo studio del colore e le sensazioni corporee provocate da esso, le permettono di affinare e scoprire le sue attitudini in campo artistico. La sua ricerca pittorica, cominciata “quasi per caso”, con uno sguardo rivolto all’insù, verso l’alto, la porta ben presto a concentrarsi sull’immagine dell’infinito ceruleo, il cielo che da sempre suggerisce nell’uomo un senso di libertà sconfinata e vuoto sublime.
 
Yuchen Wang
Nato in mongolia, in Cina, nel 1990, ha,conseguito il diploma di primo livello in pittura, all’Accademia di Belle Arti di Firenze nel 2015. È stato allievo dei prof Gianni Stefanon, Luciano Preti e Vinciguerra. Attualmente frequenta il biennio di scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera. Protagonista di alcune mostre e eventi come pittore, sculture e fotografo, è stato invitato a realizzare una scultura pubblica per la biblioteca di Cassano d’Adda (BG) nel 2015. La sua produzione artistica ha inizio dalla sua curiosità di rendere il “movimento” e la percezione della “mutazione” e si esprime attraverso le nuove tecnologie di net-art, improvvisazione e installazioni luminose. Presenze a mostre colletive: 2015 Bancanelfiore, Pontremoli; 1a Biennale dei castelli, Bergamo; “Convergenze creative”, Pontremoli; 2016 Ufficio Erasmus International Relations, Milano; Atmosfere Artistiche A Confronto (Toscana-Cina), Firenze; Biennale di Gubbio. Ha preso parte ai seguenti workshop; 2014/15 Pontremoli Medieval Festival Invited artists, Pontremoli; 2015
Painting and Opening Camp of the Accademia Belle Arti di Venezia, Forte Marghera, Venezia.
 
Dai Yujie
Fin da bambina, è sempre stata affascinata dal mondo intorno a lei, l’osservazione e l’immaginazione sono due delle caratteristiche più preziose per lei. Senza accogliere nessun limite dettato dall’educazione artistica, Dai Yujie cerca di trovare l’essenza della creazione attraverso tutti i tipi di avventure. Il tentativo di registrare l’esistenza dell’essere è l’obiettivo della sua via di esplorazione. La sua formazione artistica spazia in più campi: dal 2009 al 2013 Bachelor of Art in Visual Arts, Hong Kong Baptist University, Hong Kong; 2013-2014 Alchimia Contemporary Jewelry School, Firenze; 2014-2015 Scuola Orafa Ambrosiana di Milano; 2015 Diploma Accademico di Secondo Livello in Scultura, Accademia di Belle Arti di Brera. Tra le principali mostre si segnalano: 2014 Group Exhibition “Alchemic”, Valencia, Spagna; Group Exhibition “Touch”, Firenze; 2015 “Alchimia an Anthology” curated by SAC ( Society of Arts and Craft ) of Boston, USA; 2016 “Il Maestro presenta l’Allievo” anno 2016 – Premio Ugo Guidi,1° classificato, Montignoso, Italy. Nel 2012 ha svolto le funzioni di “curator and assistant” presso la Galeria Nara Roesler in Brasile; presso Neon Parc in Australia e “Hong Kong Art Fair” di Hong Kong.
 

Antonio De Pascale

Next Post

SALERNO. E' nato il Comitato della Cultura per il No al Referendum Costituzionale.

Sab Nov 12 , 2016
Ecco da chi è composto. E’ coordinato dai docenti Universitari proff. Giuseppe Cacciatore, Pino Cantillo e Giuseppe Acocella.