BARONISSI Comune Riciclone: raccolta differenziata all'81%.

“I nostri risultati migliorano di anno in anno – dice l’assessore all’ambiente, Serafino De Salvo – ma possiamo ancora crescere in termini di raccolta differenziata. Il dato positivo è che diminuisce, anno dopo anno, l’indifferenziato e aumenta il recupero di prodotti speciali come l’acciaio”. I dettagli.
 
Venerdì 1° dicembre 2017
BARONISSI. Baronissi si conferma Comune Riciclone della Campania, con la migliore performance di raccolta differenziata tra le città oltre i 10mila abitanti. I rifiuti avviati a smaltimento sono stati 6,8 milioni di chili. Nel dossier stilato da Legambiente Campania e presentato all’Ecoforum di Napoli, Baronissi conquista anche il Premio Speciale Ricrea per il recupero degli imballaggi in acciaio. Baronissi è il primo comune in graduatoria per rapporto numero di abitanti/raccolta differenziata, con una percentuale dell’81%, 38esimo in classifica generale su 550 comuni, prima città con il numero più elevato di abitanti.
“Si tratta – dichiara il sindaco, Gianfranco Valiante – di un ennesimo importante riconoscimento per tutti i cittadini di Baronissi, per il loro impegno per una buona raccolta differenziata e per l’ormai matura coscienza civica. È anche un premio per tutti gli operatori impegnati quotidianamente sul territorio”.
“I nostri risultati migliorano di anno in anno – fa eco l’assessore all’ambiente Serafino De Salvo – ma possiamo ancora crescere in termini di raccolta differenziata. Il dato positivo è che diminuisce, anno dopo anno, l’indifferenziato e aumenta il recupero di prodotti speciali come l’acciaio. Siamo impegnati quotidianamente in numerose campagne di sensibilizzazione rivolte alle scolaresche e alle famiglie e continueremo su questa strada perché i risultati sono molto positivi”.

Antonio De Pascale

Next Post

BARONISSI. Al via le domande per l'accesso al reddito di inclusione.

Sab Dic 2 , 2017
Le domande possono essere presentate all’Ufficio Urp del Comune di Baronissi. Il rei prevede un beneficio economico pari a circa 3000 euro annui che vengono distribuiti mensilmente con un assegno mensile pari a un massimo di 448 euro.