BARONISSI Comune riciclone: prima città del Centro-Sud Italia.

Valiante premiato

La cittadina irnina ha raggiunto l’82,40% di raccolta differenziata. ” È un traguardo straordinario – dice il Sindaco Valiante -, ottenuto grazie allo spiccato senso civico dei cittadini, ma anche all’efficacia del servizio. È un risultato che però vogliamo ulteriormente migliorare”.
 
 
 
Venerdì 23 giugno 2017
BARONISSI. Baronissi è il primo Comune Riciclone del centro sud Italia e vince la speciale classifica 2017 di Legambiente per le percentuali di raccolta differenziata. Ieri mattina, a ritirare il premio, a Roma, il sindaco Gianfranco Valiante, alla presenza del Ministro dell’Ambiente,  Galletti. Baronissi ha centrato l’82,40% di raccolta differenziata con una produzione pro capite di rifiuto indifferenziato di appena 65,7 kg per abitante. Nessun comune del centro sud Italia figura nella graduatoria dei comuni oltre i diecimila abitanti.
“È un importante riconoscimento per la nostra città – sottolinea il sindaco Gianfranco Valiante – prima del centro sud Italia per i dati relativi alla raccolta differenziata. È un traguardo straordinario, ottenuto grazie allo spiccato senso civico dei cittadini ma anche all’efficacia del servizio. È un risultato che però vogliamo ulteriormente migliorare, ponendo grande attenzione al recupero dei materiali e continuando a perseguire quei pochi incivili che ancora non hanno capito l’importanza della differenziata”.
“Il nostro è un modello virtuoso che miglioriamo giorno dopo giorno – fa eco l’assessore all’ambiente, Serafino De Salvo – accanto alla raccolta differenziata è necessario adesso diminuire la quantità di rifiuti indifferenziati e rafforzare il processo di recupero dei rifiuti, attraverso il riciclo dei materiali. È un premio che condividiamo con tutti i cittadini”.

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Elezioni, il Governatore De Luca lancia Enzo Bennet.

Ven Giu 23 , 2017
Dinanzi a oltre mille persone, De Luca lancia Bennet per lo sprint finale: “votatelo, è una persona perbene e competente”. E, riferendosi a Giovanni Romano e ad Angelo Zampoli, ha aggiunto: “mi chiedo come ci si può ripresentare agli elettori se al Comune hai accumulato trenta milioni di debiti, se […]