BARONISSI. Città della Medicina, il Sindaco Valiante incontra start up e investitori.

“L’obiettivo è di attrarre investimenti e investitori, in particolare aziende medicali e start up – spiega Valiante – incentivando le imprese a svolgere a Baronissi la loro attività”. I dettagli.
 
 
 
 
Martedì 1° agosto 2017

BARONISSI. Attrarre idee e investitori per la Città della Medicina di Baronissi. Il sindaco Gianfranco Valiante ha preso parte, a Pietrelcina, a “Jazz’Inn: interferenze territoriali tra jazz e innovazione”, incontro tra startupper, imprese, amministratori, investitori e techbuyers promosso dalla Fondazione Ampioraggio. “L’obiettivo è di attrarre investimenti e investitori, in particolare aziende medicali e start up – spiega Valiante – incentivando le imprese a svolgere a Baronissi la loro attività in presenza di alcuni fattori-chiave: snellezza e certezza dei tempi delle procedure insediative, vicinanza all’Università della Medicina, qualità della vita e dei servizi. In questi punti di forza scorgiamo la capacità di attrarre investitori di rilievo internazionale interessati alla destinazione di Città della Medicina”. L’area si estende su 239mila metri quadrati di cui 50mila già destinati all’ampliamento della facoltà di Medicina e oltre 150mila a investimenti privati, strutture biomedicali e centri di ricerca e una vasta area parco e zona sport, “per creare sinergia tra impresa e scienza – sottolinea Valiante – e fare di Baronissi un’eccellenza del centro sud Italia”. L’evento ha chiamato a confrontarsi sui nuovi scenari aperti dalla rivoluzione digitale nella pubblica amministrazione, nell’organizzazione del lavoro e negli strumenti di valorizzazione territoriale. Nel corso dell’appuntamento di Pietrelcina, il sindaco ha incontrato alcuni manager interessati al progetto imprenditoriale.

Antonio De Pascale

Next Post

MERCATO S.SEVERINO. Defibrillatori obbligatori negli impianti sportivi.

Mar Ago 1 , 2017
“Dallo scorso mese di luglio – dice il Dr.Carmine Landi, cardiologo, Consigliere comunale e Presidente dell’Associazione “Grazie di Cuore” – gli impianti sportivi hanno l’obbligo di dotarsi di un defibrillatore. Nella nostra città, grazie alla nostra Associazione, abbiamo distribuito, in vari punti, diversi macchinari salva-vita”.