Fisciano. Assistenza domiciliare gratuita per i dipendenti pubblici

Il Sindaco Sessa

Presentato il progetto Home Care Premium. A beneficiare del progetto, destinato a dipendenti pubblici e/o pensionati (diretti e indiretti) Inps – ex Inpdap, sono le persone non autosufficienti, rientranti nelle categorie disabili/invalidi/inabili. “Molto spesso – dice il sindaco Sessa – una serie di finanziamenti a cui possiamo attingere, non vengono sfruttati nel migliore dei modi perché non c’è la giusta informazione. Con tale progetto, si dà la possibilità a dipendenti pubblici, grazie a un finanziamento dell’Inps, di poter usufruire di una serie di agevolazioni”.

 

 

Venerdì 12 aprile 2019

Antonio De Pascale

FISCIANO. Ieri il sindaco, Vincenzo Sessa, ha presentato il progetto Home Care Premium, che consente, ai dipendenti pubblici, di accedere gratuitamente a servizi di assistenza domiciliare. Attivato uno sportello informativo al Comune, aperto il lunedì e mercoledì, dalle ore 9 alle ore 13.

Home Care Premium è un’iniziativa dell’Inps, gestione ex Inpdap, che finanzia progetti innovativi e sperimentali di assistenza domiciliare. A beneficiare del progetto, destinato a dipendenti pubblici e/o pensionati (diretti e indiretti) Inps – ex Inpdap, sono le persone non autosufficienti, rientranti nelle categorie disabili/invalidi/inabili.

“Molto spesso – dice il sindaco Sessa – una serie di finanziamenti a cui possiamo attingere, non vengono sfruttati nel migliore dei modi perché non c’è la giusta informazione. Con tale progetto, si dà la possibilità a dipendenti pubblici, grazie a un finanziamento dell’Inps, di poter usufruire di una serie di agevolazioni. Vista l’importanza dell’iniziativa, abbiamo attivato, in collaborazione con il Consorzio sociale Valle dell’Irno e con la cooperativa Meridiana, uno sportello informativo”.

Il dipendente pubblico può fare domanda per sé stesso, se ha un’invalidità di almeno il 50%, per un coniuge o un convivente, per un familiare di I grado, per minori. I benefici sono di grande importanza: si arriva ad averne per un valore fino a 1.250 euro al mese per ogni beneficiario per i prossimi 3 anni. Domande entro il 30 aprile.

I commenti sono chiusi.