Mercato S.Severino. Al via il progetto ”La biblioteca sono io…il libro un tesoro da custodire”

Su proposta di Clementina Leone, avviato un ciclo di incontri con gli alunni per avvicinarli al mondo della lettura.

 

 

 

Lunedì 3 dicembre 2018

MERCATO S. SEVERINO. ”La biblioteca sono io…il libro un tesoro da custodire” è il progetto, a costo zero, attuato dall’Amministrazione Comunale, grazie all’idea e alla proposta dell’operatrice della Biblioteca Comunale “Michele Prisco”, Clementina Leone.

Un programma di  incontri  con gli alunni del primo e del secondo Circolo Didattico di Mercato S. Severino, dall’ottobre di quest’anno fino al mese di maggio 2019,  ospitati nei locali della biblioteca e presso l’aula Consiliare “Carmine Manzi” del Palazzo Vanvitelliano,  sede del Comune .

“Gli incontri” – spiega il Sindaco Antonio Somma – “ sono coordinati dalla stessa Clementina Leone e hanno l’obiettivo  di offrire approfondimenti e integrazioni rispetto all’offerta formativa istituzionale e tradizionale, attivando, oltre agli incontri che hanno luogo nei locali della biblioteca comunale, anche seminari e laboratori, in collaborazione con esperti provenienti dagli ambiti tematici selezionati. Un’opportunità per offrire agli studenti ulteriori possibilità per conoscere e acquisire gli elementi necessari  per una fruizione autonoma e consapevole di tutti i servizi che la biblioteca Comunale “M. Prisco” offre”.

“La Biblioteca sono io …. Il Libro un tesoro da custodire” – aggiunge l’assessore alle politiche scolastiche, Enza Cavaliere – “è  una iniziativa sperimentata già lo scorso anno e sempre con notevole successo; a testimoniarne l’utilità e la validità, mi fa piacere sottolineare che e’ pervenuta una nota di incoraggiamento e di consenso da parte  della Regione Campania. Il progetto è incentrato soprattutto sulla scrittura creativa, con lo scopo di mostrare ai ragazzi, attraverso il gioco, un nuovo metodo di approccio al libro e alla lettura. Dal semplice gesto di toccare e sfogliare un libro, si giunge, per gradi, a sviluppare negli alunni la capacità di stabilire un rapporto autonomo con l’informazione e il gusto dell’apprendimento”.

“Un utilissimo supporto”  -  chiude il primo cittadino – “ per le attività didattiche, un’opportunità di crescita e di formazione per alunni e studenti che, mediante un approccio piacevole e accattivante, si accostano alla lettura, si abituano all’ascolto e alla riflessione, interagiscono e si affacciano alla conoscenza degli autori piu’ importanti, ma anche dell’editoria locale”.

 

 

 

 

 

I commenti sono chiusi.