Mercato S.Severino. Commissariato della Polizia di Stato in città

Il ViceSindaco Figliamondi

Lo chiede il ViceSindaco, Gerardo Figliamondi, che ha scritto al Ministro degli Interni, Matteo Salvini.

 

 

 

 

Giovedì 8 novembre 2018

MERCATO S. SEVERINO. Un tavolo tecnico tra le amministrazioni dei Comuni interessati, per l’istituzione del Commissariato di Pubblica Sicurezza nella macroarea dell’alta Valle del fiume Sarno e della Valle dell’Irno.

Lo richiede il vicesindaco, assessore delegato alla sicurezza urbana, Gerardo Figliamondi, con una nota (che reitera una comunicazione del mese di agosto) al  Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, al Sottosegretario all’ Interno, Nicola Molteni, e al Sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo.

“Il territorio di Mercato S. Severino” – scrive Figliamondi –“ per la peculiare costituzione ed estensione,  per la vicinanza alla vasta area salernitana e all’agro-nocerino-sarnese, con forte densità abitativa  ed elementi di criticità collegati anche al tessuto economico, è notoriamente a rischio, per via di una diffusa criminalità che ha fatto registrare un incremento esponenziale dei reati commessi sul territorio, nell’ultimo periodo aumentati sia a danno dei cittadini che del pubblico patrimonio, con una crescita demografica nelle aree oggetto di osservazione e l’aumento del numero di studenti che frequenta l’Università di Salerno”.

“La tipologia di criminalità” – continua – “che cerca nel comprensorio locale anche spazi per la propria organizzazione, magari fruendo di un contesto sociale tranquillo, richiede un’accurata e metodica opera di prevenzione, in quanto il presidio del territorio è il primo vero contrasto alla criminalità e baluardo per la sicurezza dei cittadini”.

“Attualmente” – prosegue Figliamondi –“ il controllo del territorio è affidato alla Polizia Locale  e alla locale Compagnia dei Carabinieri, che abbraccia Mercato S. Severino, Fisciano, Castel San Giorgio, Bracigliano, Siano, Roccapiemonte, Calvanico, Baronissi  e Pellezzano, per  un’estensione di 170 chilometri quadrati, con popolazione che supera i centomila abitanti. La carenza finanziaria e di risorse umane degli enti locali e l’ampiezza del territorio di osservazione, non consente una efficace attività di prevenzione e contrasto dei predetti fenomeni criminosi, suscitando le preoccupazioni e le paure  nelle comunità e alimentando il rischio di incremento di attività illecite”.

“Si ravvisa pertanto” – chiude “ la necessità di rafforzare la presenza delle forze dell’ordine  nella macroarea della Valle del Sarno e della Valle dell’Irno, mediante l’istituzione di un commissariato di Pubblica Sicurezza. Necessità ancor più stringente ove si consideri la vicinanza del polo universitario di Fisciano, ove è ubicato un posto di Polizia  che ha competenza unicamente nell’ambito della Cittadella Universitaria. Le dimensioni del Campus universitario, alla ribalta in campo nazionale e internazionale per i traguardi raggiunti sul piano scientifico, richiedono un rafforzamento della presenza delle forze di polizia, al fine di avere un controllo più capillare nei Comuni che abbracciano l’area della città universitaria e la Valle dell’Irno”.

 

I commenti sono chiusi.