Il Vangelo di domenica 23/9/2018. Il commento del Prof. Antonio Luisi

S. Pio da PietrelcinaProf. Antonio Luisi, Docente di religione cattolica al Liceo classico “Virgilio” e Diacono presso la Parrocchia “S. Maria delle Grazie” di Mercato S. Severino

 

XXV Domenica del T.O. ( Mc 9,30 – 37) 

Partiti di là, attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse.  Istruiva infatti i suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo sta per esser consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma una volta ucciso, dopo tre giorni, risusciterà». Essi però non comprendevano queste parole e avevano timore di chiedergli spiegazioni. Giunsero intanto a Cafarnao. E quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo lungo la via?». Ed essi tacevano. Per la via infatti avevano discusso tra loro chi fosse il più grande.  Allora, sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuol essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servo di tutti».  E, preso un bambino, lo pose in mezzo e abbracciandolo disse loro: «Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me; chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

—————————————————

Il commento del Prof. Antonio Luisi:

La strategia  per conseguire  il “primato” nel Regno dei cieli

Secondo annuncio della passione, in modo più deciso, da parte di Gesù: la sua vita è una salita al Calvario, dove lo attende l’umiliazione e la morte in croce. Sullo sfondo di questi eventi,  tuttavia,  già  emerge la luce della resurrezione, ma tra i discepoli dilaga l’incomprensione. All’imminente annuncio della morte di Gesù, essi contrappongono i loro sogni di grandezza, pensavano infatti ad un trionfo politico, ad un futuro governo con determinate posizioni di potere. Gesù dona loro una stupenda lezione: il più grande nel regno di Dio, è l’ultimo nel regno degli uomini, è il servo, il disprezzato. Questo non significa che nella comunità cristiana non debba esserci un “primo”, ma Gesù vuol farci capire che, nella sua comunità, il primo posto  è quello dell’umiltà e  del servizio che si offre ai deboli , ai poveri e miserabili. La piccolezza, la semplicità, la disponibilità  fiduciosa, l’abbandono senza calcoli, doppiezze e interesse: ecco spiegato il simbolo del bambino che Gesù pone al centro e  accoglie. Viviamo e operiamo nella chiesa con questo spirito e con questi atteggiamenti perché essa  non diventi  un duplicato della società che ci sforziamo di chiamare “civile”.

Prof. Antonio Luisi, Docente di religione cattolica al Liceo classico “Virgilio” e Diacono presso la Parrocchia “S. Maria delle Grazie” di Mercato S. Severino

I commenti sono chiusi.