PROCIDA. Violenza sulle donne, la ferma condanna di Imma Vietri (Fratelli d’Italia)

L'On. Cirielli

Bandiera Italia

Dopo il nuovo caso registrato a Procida, giunge la ferma condanna di Imma Vietri, coordinatrice del Dipartimento Tutela Vittime Campania della Destra nazionalista. Tutti i dettagli.

 

Domenica 15 aprile 2018

PROCIDA. Imma Vietri, coordinatrice del Dipartimento Tutela Vittime Campania di Fratelli d’Italia – alla luce dell’ennesimo episodio di violenza consumatosi nella provincia di Napoli –, sottolinea la necessità di normative più rigorose per la garanzia delle pene. Nella giornata di giovedì, infatti, un quarantacinquenne residente a Procida, ma di origini venezuelane, ha picchiato la compagna incinta a tal punto da causarle un aborto. Una violenza che, a quanto pare, si consumava da tempo con la donna, che, più volte, in passato, era stata vittima di maltrattamenti.

«A Procida si è consumata l’ennesima tragedia – ha commentato Imma Vietri –. Un uomo di 45 anni ha picchiato la sua compagna, in dolce attesa, fino a farle perdere il bambino che aveva in grembo. La violenza non è un problema femminile, ma individuale e va affrontato insieme dalle donne e dagli uomini. C’è violenza quando manca il rispetto. Purtroppo, ancora oggi, la donna, a fronte di una mentalità arcaica e retrograda, viene considerata da molti un “bottino di guerra” ed è per questo che la maggior parte dei casi di violenza si consuma nei loro confronti. È urgente mettere un freno a tutto questo, con risposte concrete, efficaci e immediate. Servono campagne di sensibilizzazione, c’è bisogno di modificare le leggi vigenti, e, soprattutto, dire stop ai patteggiamenti delle pene, alle attenuanti e agli sconti. Fratelli d’Italia, i cui riferimenti in Campania sono l’Onorevole Edmondo Cirielli e il Senatore Antonio Iannone, presenterà in Parlamento un pacchetto di proposte che garantisca la certezza della pena».

(Clicca sulle foto per ingrandirle)

I commenti sono chiusi.